Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Foto

 
Video
 
PIEMONTE
19-03-2012

Regina la paura, monologo teatrale dove un sentimento diventa personaggio.


Torino: alla Cavallerizza Reale, da martedì 20 a domenica 25 marzo 2012, Elena Bucci in un recital di parole e suoni dedicato alla paura.



 

Sentimento chiave nell’esistenza umana, la paura è al centro dell’originale recital teatral musicale che Elena Bucci realizza ispirandosi ad alcuni di brani da Venditori di paura di Ermellina Drei: un monologo dove un sentimento, uno stato d’animo, acquisisce fisicità per farsi personaggio, assumendo le fattezze di una nera Regina.
 
Non mi sono mai occupata di teatro politico e civile - scrive Elena Bucci - e non lo faccio nemmeno ora, nonostante questo lavoro tratti questioni sia politiche che civili, come i meccanismi che precedono l’insorgere di una dittatura, le implosioni delle storie individuali quando vengono bloccate da quelle stesse paure che sembra preservino l’incolumità e il tranquillo procedere della vita quotidiana, il gioco perverso dei legami familiari, la guerra che, pur non essendo stata dichiarata, a noi tutti pare di avere attraversato”.
 
Un progressivo imbarbarimento, quasi una forma di analfabetismo della libertà, che rischia seriamente di far venire meno la capacità di riconoscere il senso delle parole, portando in dote anche una visione del futuro molto più incerta e nebulosa. Ecco allora, in Regina la paura. Ossia essere pronti è tutto, un’attrice impossessarsi in scena degli strumenti del teatro per dar vita ad un suggestivo unicum, tra chi si occupa di luce, suoni e movimenti di scena. “Passerò dalla voce cantata al parlato, attraversando diversi personaggi, rivelando come un illusionista burlone quegli stessi strumenti che mi consentono di creare magie, come l’alzata di uno schermo, l’uso delle ombre, il mistero sciocco di lampade che calano, il brillare di una gelatina industriale”. Un modo forse per esorcizzare un universo emotivo che affonda le proprie radici nei meandri dell’animo umano, una paura atavico sentimento che da sempre attraversa la vita dell’individuo, ora destinata a prender forma e corpo in un suggestivo recital a metà tra il teatro e la poesia.
 
PerRegina la paura feriali alle 20.45, festivi alle 15.30, martedì e giovedì alle 19.30, con biglietti a Euro 25: informazioni e prenotazioni allo 011.51.76.246 o su www.teatrostabiletorino.it.
Username:
Password:
 - 
PRIMA

fai click per chiudere...