Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Foto
 
Video
 


Collegati
NAZIONALE

MITOFringe – il programma di martedì 28 giugno 2011

MITOFringe prosegue con i suoi concerti gratuiti in giro per la città, proponendo una pausa pranzo all’insegna dell’integrazione e del melting pot culturale. Alle 13.00, alla Stazione Ferroviaria Cadorna, è in programma il concerto del Trio musicale Identità Plurali, composto da due artisti italiani e uno rumeno che intrecciano culture e stili diversi, dalla musica popolare del proprio paese alle sonorità sudamericane.



28-06-2011 - 

Martedì 28 giugno

ore 13.00 Stazione Cadorna
Trio musicale Identità Plurali (Etnica)
Il Trio, nato all’interno della Casa della carità, è composto da Gianni Cannata al contrabbasso, Raffaele Brancati al clarino e da Iancu Persic alla fisarmonica. Due musicisti italiani e uno rumeno intrecciano così stili diversi, dalla musica popolare italiana e rumena a sonorità sudamericane. La capacità di accogliere, di integrarsi e l’accettazione di una nuova identità plurale è alla base della nascita di questo trio, che si propone di promuovere iniziative dirette a favorire una maggiore conoscenza della composita realtà culturale di Milano, creando le condizione per la diffusione di nuovi linguaggi.

PRIMA

Elvira

Di "Brigitte Jaques"
Con "Toni Servillo " "Petra Valentini"
Regia "Toni Servillo"
Tratto da Elvire Jouvet 40 di Brigitte Jaques, e rappresentato per la prima volta al Théâtre National de Strasbourg nel 1936, lo spettacolo è la trascrizione integrale di sette lezioni tenute al Conservatoire National d’Art Dramatique di Parigi, tra il febbraio e il settembre del 1940, da Louis Jouvet, regista e attore di teatro e di cinema. Queste lezioni, che Jouvet volle stenografate, vertono su un’unica scena del Don Giovanni di Molière: l’addio di Elvira al suo antico amante (atto IV). Don Giovanni accompagnato dal fido servitore Sganarello, assiste all’irruzione in casa sua di Elvira che, in nome dei sentimenti che provò un tempo per lui, è venuta a scongiurarlo di abbandonare la vita scellerata per sottrarsi al castigo divino. In scena Jouvet  e la giovane allieva Claudia danno vita ad una profonda relazione maieutica.

Il secondo figlio di Dio

Di "Manfredi Rutelli"
Con "Simone Cristicchi " ""
Regia "Antonio Calenda"
Luglio 1878. In cima a una montagna, davanti a una folla adorante di quattromila persone, un uomo si proclama reincarnazione di Gesù Cristo. L’inizio di una rivoluzione possibile, che avrebbe potuto cambiare il corso della Storia. Il secondo figlio di Dio è ispirata alla vicenda incredibile, ma realmente accaduta, di David Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”.

fai click per chiudere...