Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Foto
 
Video
 


Collegati
NAZIONALE

In scena lo Sconcerto di Toni Servillo

Il Piccolo di Milano ospita la partitura per musica e parole in libertà



13-03-2012 - 

Il Piccolo Teatro Strehler ospita lo Sconcerto di Toni Servillo, raffinato evento poetico-musical-teatrale, su testo di Franco Marcoaldi. Un delirio di parole in libertà, costruito su assonanze, dissonanze e stridenti associazioni di contenuti, che il direttore d’orchestra (Servillo) riversa sui musicisti dell’ensemble “I Pomeriggi Musicali” - con la partecipazione di Peppe Servillo.

Un concerto "acefalo e mancato", come lo definisce l'attore, che dà voce al "disagio morale, ideologico e politico di un paese che sembra ormai sotto narcosi". Una partitura di parole e suoni, fra le macerie di una lingua dissestata, in risposta al caos quotidiano che tutti ci circonda.

Lo spettacolo è stato prodotto nel 2010 da Teatri Uniti, Fondazione Teatro di San Carlo, Fondazione Ravello, Fondazione Musica per Roma in collaborazione con Piccolo Teatro di Milano e MiTo Settembre Musica. Con Sconcerto Toni Servillo ha vinto il "51° Grand Prix come migliore attore", assegnato nello scorso ottobre in occasione del Festival Internazionale di Sarajevo "Mess 2011", mentre lo spettacolo si è aggiudicato la "menzione speciale della giuria" attribuita al compositore Giorgio Battistelli, autore della musica.

Al Piccolo dal 16 al 18 marzo.


PRIMA

Der Rosenkavalier

Di ""
Con "" ""
Regia "Harry Kupfer"
Mentre il marito è assente, la Marescialla si dedica all’amante diciassettenne, il conte Octavian, col quale ha passato una notte d’amore. Il mattino successivo i due amanti si scambiano tenerezze affettuose ma il loro colloquio amoroso viene  interrotto dall’arrivo del barone Ochs, cugino della Marescialla. Octavian si traveste da seducente cameriera, “Mariandel”, e attira le attenzioni del lascivo barone. Quest’ultimo è venuto a chiedere consigli alla cugina circa la cerimonia del suo fidanzamento; egli deve infatti sposare Sophie von Faninal, figlia di un ricco mercante che ha appena ottenuto il titolo nobiliare, e cerca un giovane nobile che, secondo la consuetudine, consegni alla fidanzata la rosa d’argento, simbolo della domanda matrimoniale. Irritata e imbarazzata dalle continue avances del barone a “Mariandel” la Marescialla propone proprio il conte Octavian come “cavaliere della rosa”. 

fai click per chiudere...