Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Foto

 
Video
 


Collegati
NAZIONALE

Immagini del Living Theater alla casa dei teatri

Una mostra su Julian Beck documenta quarant’anni di attività con materiali inediti



10-05-2012 - 

Le Immagini del Living Theatre ospitate nelle sale della Casa dei Teatri documentano quarant’anni di attività di Julian Beck, figura fondamentale del teatro del XX secolo. Suoni, immagini e video costruiscono un suggestivo itinerario attraverso le produzioni principali del Living, includendo per la prima volta anche i bozzetti dei costumi disegnati per il penultimo spettacolo The Yellow Methuselah: un fondale lungo ottanta metri dipinto per un lavoro costruito su Bernard Shaw (Torniamo a Matusalemme) e Vasilij Kandinskij (Suono giallo).

Disegni che testimoniano la più ampia impresa pittorica di Julian Beck sull’interpretazione di Kandinskij, uno tra gli ispiratori dell’avventura del Living. Dal 1977 al 1983 la compagnia ha attraversato in Italia più di 175 tra città e paesi, presentando al pubblico italiano opere che hanno cambiato la fisionomia e il senso del teatro, coniugandolo con l’impegno civile e politico di quegli anni.

Accanto ai bozzetti dei costumi, la locandina e gli articoli dell’epoca, mentre quattro monitor proiettano le riprese di alcuni spettacoli e le prove del Living Theatre insieme ad altri momenti della vita di Julian Beck: suggestioni sonore e visive e un montaggio di foto e testi. Parallelamente alla mostra, due incontri di approfondimento con i Motus (sabato 12 maggio ore 15 ) e con Franco Ruffini, professore di Storia del teatro (domenica 13 maggio ore 11.30).

Ingresso Libero - 11 maggio - 24 giugno - www.casadeiteatri.culturaroma.it


PRIMA

Der Rosenkavalier

Di ""
Con "" ""
Regia "Harry Kupfer"
Mentre il marito è assente, la Marescialla si dedica all’amante diciassettenne, il conte Octavian, col quale ha passato una notte d’amore. Il mattino successivo i due amanti si scambiano tenerezze affettuose ma il loro colloquio amoroso viene  interrotto dall’arrivo del barone Ochs, cugino della Marescialla. Octavian si traveste da seducente cameriera, “Mariandel”, e attira le attenzioni del lascivo barone. Quest’ultimo è venuto a chiedere consigli alla cugina circa la cerimonia del suo fidanzamento; egli deve infatti sposare Sophie von Faninal, figlia di un ricco mercante che ha appena ottenuto il titolo nobiliare, e cerca un giovane nobile che, secondo la consuetudine, consegni alla fidanzata la rosa d’argento, simbolo della domanda matrimoniale. Irritata e imbarazzata dalle continue avances del barone a “Mariandel” la Marescialla propone proprio il conte Octavian come “cavaliere della rosa”. 

fai click per chiudere...