Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Foto

 
Video
 


Collegati
NAZIONALE

Immagini del Living Theater alla casa dei teatri

Una mostra su Julian Beck documenta quarant’anni di attività con materiali inediti



10-05-2012 - 

Le Immagini del Living Theatre ospitate nelle sale della Casa dei Teatri documentano quarant’anni di attività di Julian Beck, figura fondamentale del teatro del XX secolo. Suoni, immagini e video costruiscono un suggestivo itinerario attraverso le produzioni principali del Living, includendo per la prima volta anche i bozzetti dei costumi disegnati per il penultimo spettacolo The Yellow Methuselah: un fondale lungo ottanta metri dipinto per un lavoro costruito su Bernard Shaw (Torniamo a Matusalemme) e Vasilij Kandinskij (Suono giallo).

Disegni che testimoniano la più ampia impresa pittorica di Julian Beck sull’interpretazione di Kandinskij, uno tra gli ispiratori dell’avventura del Living. Dal 1977 al 1983 la compagnia ha attraversato in Italia più di 175 tra città e paesi, presentando al pubblico italiano opere che hanno cambiato la fisionomia e il senso del teatro, coniugandolo con l’impegno civile e politico di quegli anni.

Accanto ai bozzetti dei costumi, la locandina e gli articoli dell’epoca, mentre quattro monitor proiettano le riprese di alcuni spettacoli e le prove del Living Theatre insieme ad altri momenti della vita di Julian Beck: suggestioni sonore e visive e un montaggio di foto e testi. Parallelamente alla mostra, due incontri di approfondimento con i Motus (sabato 12 maggio ore 15 ) e con Franco Ruffini, professore di Storia del teatro (domenica 13 maggio ore 11.30).

Ingresso Libero - 11 maggio - 24 giugno - www.casadeiteatri.culturaroma.it


Saccarina

Di "Davide Carnevali"
Con "Silvia Giulia Mendola " "Fabrizio Martorelli"
Regia "Silvia Giulia Mendola"
In una Milano poco attraente, due attori poco capaci e un cane poco fedele, sotto la guida di un produttore poco raccomandabile, seguendo le indicazioni di un autore poco presente, preparano la registrazione della puntata pilota di una fiction poco appetibile. Credendo ancora nella possibilità di un lavoro giustamente retribuito, sognano una città migliore che dia loro la possibilità di condurre una vita decente. Ma è un sogno che resta un sogno, perché vivono nella città dell'edilizia e della moda, della televisione e dell'Expo. In un mondo insoddisfacente, disobbedienza e menzogna, per necessità o per virtù, stanno alla base dei rapporti personali, fanno da motore dell’azione, e danno i loro buoni frutti. Alla fine, dei quattro personaggi almeno la metà raggiunge il suo intento. Ma chi?

fai click per chiudere...