Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Foto
 
Video
 


Collegati
NAZIONALE

Un weekend sul palco

Il pubblico è di scena all'India il 23 e il 24 giugno: in 200 per sperimentare il teatro



19-06-2012 - 

Due giornate dedicate all’esperienza diretta del palcoscenico, ma solo per 200 fortunati spettatori, che per un intero weekend potranno oltrepassare la quarta parete entrando nel magico perimetro del palcoscenico.

L’Atelier dei 200 è un’iniziativa prevista in sei città europee dal progetto Atelier dei 1000, condiviso da sei teatri membri dell’Unione dei Teatri d’Europa che nell’arco del 2012 realizzano il medesimo esperimento. Accanto alla MC93/Maison de la Culture di Bobigny, allo Schauspielhaus di Graz in Austria, al Teatro Sfumato di Sofia in Bulgaria, al Teatro Nacional São João di Porto, al Maxim Gorki Theatre di Berlino, il Teatro India di Roma ospita il format rivolto a non professionisti del teatro, ma a liberi cittadini, giovani, adulti, studenti selezionati attraverso i canali web del Teatro di Roma e interessati a condividere l’intera durata dei lavori. Condotto dai registi: Gabriele Lavia (su L’infinito di Giacomo Leopardi), Claudio Longhi (testi di autori latini e italiani), Vincenzo Pirrotta (Edipo re di Sofocle) e Pierpaolo Sepe (Come certi animali di Andrej Longo). E quando si condivide il palcoscenico succede per forza qualcosa.


PRIMA

Der Rosenkavalier

Di ""
Con "" ""
Regia "Harry Kupfer"
Mentre il marito è assente, la Marescialla si dedica all’amante diciassettenne, il conte Octavian, col quale ha passato una notte d’amore. Il mattino successivo i due amanti si scambiano tenerezze affettuose ma il loro colloquio amoroso viene  interrotto dall’arrivo del barone Ochs, cugino della Marescialla. Octavian si traveste da seducente cameriera, “Mariandel”, e attira le attenzioni del lascivo barone. Quest’ultimo è venuto a chiedere consigli alla cugina circa la cerimonia del suo fidanzamento; egli deve infatti sposare Sophie von Faninal, figlia di un ricco mercante che ha appena ottenuto il titolo nobiliare, e cerca un giovane nobile che, secondo la consuetudine, consegni alla fidanzata la rosa d’argento, simbolo della domanda matrimoniale. Irritata e imbarazzata dalle continue avances del barone a “Mariandel” la Marescialla propone proprio il conte Octavian come “cavaliere della rosa”. 

fai click per chiudere...