Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


archivio 
MILANO

Mi ameṛ lo stesso


Al teatro Teatro Menotti di Milano
dal 27.09.2016 al 30.09.2016
con Paola Turci
Regia "Emilio Russo"

Paola Turci è un’artista famosa, ha una vita fatta di successi, concerti, amore e musica. Un’immagine di donna forte, impegnata, volitiva, decisa. E un evento, che in qualche modo spacca in due la sua vita. Ma Paola Turci è prima di tutto una donna, che di fronte a uno specchio si riaffaccia sulla sua storia e mette le sue fragilità in gioco e le sue certezze in discussione. In un intenso monologo, che è in realtà un dialogo con la se stessa più profonda, Paola porta in scena la storia di un’evoluzione e una crescita che sono sue, ma che potrebbero essere di ognuno di noi: il suo rapporto complesso e articolato con la bellezza, la sua continua ricerca e l’ostinato fuggire da essa, le insicurezze, l’ironia, gli incontri e le esperienze, che fanno di lei la donna che è oggi. O forse solo quella che appare, mentre si guarda riflessa in quello specchio.

Il segreto di Chet Baker

Al teatro Franco Parenti di Milano
dal 12.07.2016 al 12.07.2016
con Massimo Popolizio
Regia "Teresa Pedroni"

Un omaggio al grande trombettista Chet Baker, alla sua voce fragile e commovente. L'attore Massimo Popolizio e il saxofonista Javier Girotto, insieme per evocare l’atmosfera delle vibranti e appassionanti pagine del romanzo di Roberto Cotroneo: e se Baker non si fosse suicidato nel 1988 ad Amsterdam ma si fosse ritirato nel Salento a vivere come un eremita sulla via indicata dal mistico Gurdjieff?

Pier Paolo! - Una partita di calcio dedicata a Pier Paolo Pasolini


Al teatro Ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini di Milano
dal 01.07.2016 al 03.07.2016
con Gabriele Benedetti, Silvia D’Amico, Fonte Maria Fantasia, Silvio Impegnoso, Aurora Peres, Gabriele Portoghese, Roberto Rustioni, Corrado Ardone
Regia "Giorgio Barberio Corsetti"

Pasolini amava il calcio, lo giocava e lo conosceva. Questo spettacolo tratto dall’opera immensa di Pasolini è un tributo alle sue passioni, ai suoi amori e al suo sguardo così delicato e duro sul mondo, di cui il campo di calcio è una sintesi, un microcosmo, un riflesso dell’intera società che vi si muove attorno. Pier Paolo! è un evento, uno spettacolo e allo stesso tempo una partita. Su un campo, di quelli che sarebbero piaciuti a Pasolini, due squadre di giovani si affrontano in un vero incontro agonistico. Il gioco è intervallato da attori che lo commentano poeticamente o lo interrompono invadendo il campo, oppure intervengono creando scene nelle gradinate, in mezzo al pubblico. In particolari occasioni sono i giocatori stessi a recitare brani. I personaggi e le scene escono dalle pagine delle sue poesie, dei suoi romanzi, dei suoi film, con tutta la vitalità e l’arte del grande poeta.



Odissea


Al teatro Ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini di Milano dal 24.06.2016 al 24.06.2016

We Need Money!


Al teatro Ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini di Milano dal 15.06.2016 al 16.06.2016

Macbeth


Al teatro Piccolo Teatro Grassi di Milano dal 07.06.2016 al 19.06.2016

Der Rosenkavalier

Regia "Harry Kupfer"

Al teatro alla Scala di Milano dal 04.06.2016 al 02.07.2016

Et manchi pietà


Al teatro Triennale di Milano Teatro dell'Arte di Milano dal 31.05.2016 al 05.06.2016

Il turista


Al teatro Filodrammatici di Milano dal 10.05.2016 al 22.05.2016

Macbeth


Al teatro Teatro Sociale Brescia di Brescia dal 10.05.2016 al 22.05.2016

Pyscho Killer - Quanto mi dai se ti uccido?


Al teatro Litta di Milano dal 03.05.2016 al 08.05.2016

La fanciulla del west


Al teatro alla Scala di Milano dal 03.05.2016 al 28.05.2016

Ladonnaseduta


Al teatro Campo Teatrale di Milano dal 03.05.2016 al 08.05.2016

       1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11    >    >>
 
PRIMA

Et manchi pietà

Di "Simone Derai "
Con "Moreno Callegari " Regia "Simone Derai "



La figura emblematica della pittrice seicentesca Artemisia Gentileschi, pittrice  evocata in tredici grandi quadri, tredici stazioni di vita, che sposano altrettanti brani musicali dell'epoca dell'artista, traducendone l’umore melanconico o quello violento o quello esuberante, legandoli indissolubilmente ai suoi temi pittorici e a un gesto artistico dalla potenza rabbiosa la cui eco è capace di permanere come un fantasma a distanza di secoli. Sul palcoscenico Moreno Callegari, attore del collettivo, in scena per introdurre il pubblico in un viaggio fatto di parole e musica che si annidano fra le pieghe della biografia di Artemisia Gentileschi.


fai click per chiudere...