Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto



 

Collegati

Orson Welles' Roast

Al teatro India di Roma
dal 28.05.2011 al 05.06.2011

Vedi tournée

Graffiante, nostalgico, geniale: un piccolo capolavoro per ritrarre e celebrare di una grande personalità



Trama:
Gli aneddoti della vita del regista americano e le riflessioni sul mondo si mescolano come ingredienti di una ricetta ambiziosa e difficile da realizzare. La forma scelta per evocare il grande maestro è quella del “roast”, che si può tradurre “arrosto” o, più propriamente, “elogio al contrario”.
...continua


Recensione:

Cinque stelle per questo One man show. Cinque stelle che illuminano la scena.

La prima si chiama Orson welles, un uomo che ha dedicato ogni angolo della sua esistenza all'inganno dell'arte. In questo spettacolo, attraverso un fitto reticolo di aneddoti e richiami biografici, Welles viene presentato, quasi fosse un novello Loki caduto tra gli uomini, come un ladro di sogni, un artista al di sotto della sua divinità. Un artigiano che ricostruisce i linguaggi dell'arte ponendo se stesso come punto di partenza. Gli oggetti sulla scena, pur nella loro semplicità diventano, se ben illuminati e accarezzati, fonte inesauribile di storie e suoni (la melanzana che diventa un'astronave spaziale è da antologia). Emerge con chiarezza come non esista frequenza che Welles non sappia far risuonare.

La seconda stella è l'ironia briosa degli autori. Mai sopra le righe Michele De Vita Conti e Giuseppe Battiston riescono con affettuosa malinconia a piegare l'ombra del titano per una notte. Nel testo vengono incastrate con garbo le idiosincrasie dell'artista e il suo bi-sogno di magia e incanto. Welles che si erge sopra la memoria degli ascoltatori offre se stesso, prima che i suoi film o la sua icona, come eucaristico nutrimento per gli ascoltatori. Non a caso il nome dello spettacolo, Orson Welles Roasted, celebra il grado di cottura più adatto per ingerire e digerire il protagonista.

La terza stella è data dal complesso meccanismo con cui gli autori riescono costruire l'intero spettacolo, che si compone come un sistema formidabile di matriosche. Orson Welles riscritto dagli autori, interpretato da Giuseppe Battiston che veste i panni di Welles stesso. Quasi una teofania, un'ombra che si nutre di se stessa per esistere infinite volte, un gioco di scatole cinesi raffinato e coinvolgente al punto da indurre gli spettatori a pensare di avere davanti proprio Orson Welles.

La quarta stella non può dunque che essere per il bravo Battiston la cui interpretazione, benché artatamente increspata da un ronzante accento americano, fornisce tutte le chiavi per comprendere (nel senso più stretto del termine) tutte le bordate che vengono dal personaggio. Ci sono i chili di troppo, c'è la barba, gli stivaloni neri e quell'espressione pericolosa che avrebbe incantato tutti i suoi spettatori, sostenitori o detrattori che fossero.

Infine la quinta stella. La più piccola forse, ma anche la più deliziosa. Al genio si riconosce in genere la capacità di cogliere il momento per fermarlo, analizzarlo e poi riproporlo in forma di spettacolo condivisibile. Nulla allora può togliermi il piacere di ricordare, con quanti fossero in sala con me, quel siparietto improvvisato in cui, al suonare dell'immancabile telefono cellulare in sala, Orson-Battiston ha interrotto lo spettacolo per dire con placido accento americano: “chi-figurha-di-merda!”. Applausi.




Curiosità:

Ispirato alla figura del mitico cineasta americano: grande regista ed interprete del capolavoro hollywoodiano “Quarto potere”.

effibriest - 01-06-2011 11:06:48
Forse avevo troppe aspettative su questo spettacolo: Adoro Battiston, ho adorato Welles, il monologo è pluripremiato. Però mi sono annoiata. Anche se la regia era sapiente, le luci fenomenali e l`attore ha dato prova di grande virtuosismo. Non bastano la stazza e la barba per far anche solo intravedere il guizzo luciferino che inquietavano in Welles!
VotaVotaVotaVotaVota
giuliocesare - 12-08-2011 10:52:45
Anche io partivo forse con aspettative troppo alte, d`altronde: Battiston interpreta Welles e vince un UBU. Battiston è un attore straordinario sempre, però lo spettacolo non va oltre il divulgativo, e risulta noioso, a tratti noiosissimo. Un testo che non dice niente di più di quanto dica la paginetta di wikipedia sul regista americano. Una mia modesta opinione. Il pubblico dell`india invece, come suo solito, ride compiacendo e compiacendosi.
VotaVotaVotaVotaVota
Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Monologo
Durata: 75 minuti
Michele De Vita Conti (Autore)

CAST
News
La collaborAZIONE si fa spettacolo

Dodici registi originari di nove diversi paesi, per cinque regie e due mani: un laboratorio mondiale, il World Wide Lab, che porta a Roma l’esperimento unico di un gruppo multiculturale nato a New York. Non è un caso se Bob Wilson li ha accolti in residenza a Watermill e se il prestigioso Irondale Center di Brooklyn li ha ospitati per ben due anni. I registi del WWL hanno costituito un gruppo di lavoro stabile, che annualmente si riunisce per produrre in due settimane di laboratorio (quest’anno salite a tre) uno spettacolo fatto di cinque momenti diretti a due mani. I testi, adattati o composti per l’occasione dai registi stessi coinvolgendo ben dieci attori, seguono uno stesso filo tematico (Upheaval/Distruzione e rinascita), ma presentano contenuti molto diversi fra loro, che partono dalle rispettive culture. Il risultato è un articolato melting pot, in cui si mescolano Taiwan, India, Canada, Israele, Stati Uniti, Grecia, Germania, Italia… In scena contenuti e stili profondamente diversi, magicamente mescolati per distillare un teatro ricco di contaminazioni, anche linguistiche. Al Teatro Due Roma fino al 12 ottobre.

Info: KIT Italia




Sguardi S-velati sulla felicità

La rassegna del Teatro Due Roma sui punti di vista al femminile giunge alla IV Edizione. E guarda con atteggiamento positivo.




Millelire per un corto

Dal 7 al 12 gennaio un premio per atti unici brevi al Teatro Millelire di Roma



fai click per chiudere...