Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Tutto per bene

Regia di - Gabriele Lavia
Al teatro Argentina di Roma
dal 16.01.2013 al 27.01.2013

Vedi tournée



Trama:
Tutto per bene è un punto di snodo cruciale dell'intera parabola drammaturgica pirandelliana. Con esso l'autore codifica una volta per tutte la cifra del suo teatro maggiore, la «rappresentazione d'un dramma, quand'esso è già da gran tempo finito»: Pirandello procede post factum e ciò gli consente di scovare gli indizi della realtà nascosti en abîme nella rappresentazione di essa, la «radice del vero» nel "giallo" paradossale che gli uomini, maschere, mettono in scena, illudendosi di vivere.
...continua


Recensione:

Tutti rigorosamente puntuti, scattosi, acidi, odiosi. Tutti tranne il protagonista, Gabriele Lavia, regista e protagonista di uno spettacolo che annoia nella prima parte ma si riprende nella seconda. Scenografia austera, sottofondo musicale quasi onnipresente, costumi d’epoca e una grande tomba in proscenio a sottolineare la idiota idolatria di un cornuto per la sua defunta consorte.

Il protagonista è all’oscuro e quando nel secondo atto gli accendono la lampadina si preoccupa più di come lo credevano approfittatore che di quanto abbiano, della sua debolezza, approfittato. Il suo è il mondo dei vinti, di quelli che hanno vissuto nell’inganno senza colpa, che hanno creduto ciecamente in chi li ha traditi. A fregarlo è un senatore e, proprio la meschinità della classe politica, lo schiacciamento del sottoposto, l’onnipotenza e l’impunità, rendono coevo il testo del 1920. Pirandello assesta un colpo all’ipocrisia che ci governa mentre ne sferra un altro allo squallore che domina la società dell’apparenza, in mano a uomini mascherati incapaci di credere che qualcuno possa essere meno bieco di loro. L’autore ci sprona a specchiarci nello desolazione per infonderci l’indispensabile coraggio necessario, a chiunque abbia forza, per rivelarsi per ciò che è, piuttosto che ostentare ciò che non sarà mai.

Lavia tedia nel primo tempo ma viene fuori nel secondo con mestiere. I suoi attori, mossi a triangolo, quando a dominare la scena è un tavolo, rincorrono poltrone e divano quando, dopo l’intervallo, si ritrovano a bere del whisky ed ammazzare il tempo.
Nei panni di Palma, la figlia del regista, antipatica e senza sfumature, come i colleghi, costretti a tornare sui propri passi in un rallenti che sottrae verità senza aggiungere suggestione. Tanti curati elementi non girano al ritmo giusto per la mancanza di un occhio esterno. La regia del protagonista non permette di sfumare, dosare, fuorviare per poi rivelare, con più forza, la grande l’amarezza del testo.




effibriest - 20-01-2012 11:14:48
Il secondo atto si apre su un magnifico divano Chester in pelle bianca, grande , a golfo, capitonné impunturato a mano, che illumina la scena, e serve per tutto il tempo a gestire le postazioni dei personaggi nella società. Il politico imbroglione, la signora ipocrita, il nobile opportunista, etc. etc. Questo divano è importantissimo. Innanzitutto perché penso rappresenti il sogno di ogni piccolo borghese del Novecento: crea subito la distanza con l’alta borghesia che Lavia vuole a sua volta rappresentare per rappresentare Pirandello che sua volta vuole rivelare proprio quel mondo di apparenze in cui qualcuno deve comunque pagare il prezzo dell’umiliazione. E l’umiliazione non sono le corna, come purtroppo ho sentito dire qualcuno, sostenendo che oggi la piéce non è attuale, perché non ce ne importa nulla, in un’epoca volgare come questa. L’umiliazione è Non Sapere che vita stiamo vivendo, un Truman show ante litteram! Ma questo è Pirandello, che può piacere o non piacere: Lavia lo mette in scena esaltando proprio questo aspetto e si concentra su questo aspetto. Un esempio è il ralenti (come una danza) che ogni tanto interrompe la vicenda e in penombra fa arretrare i personaggi rispetto alle postazioni raggiunte, suggerendo un’altra composizione a livello subliminale, diversa (o finta?!?!) dei ruoli. Il protagonista si concede qualche gigioneria nella sparata finale ma resta nei limiti accettabili (l’autoironia di Martino Lori su se stesso), Daniela Poggi scivola in più di una papera (siamo a livelli di guardia, non so perché sia stata convocata), Lucia Lavia è giovane e si vede che è sotto sforzo, anzi, sotto la frusta del padre, ma non sbaglia, la dizione poi è impeccabile, e quindi lode ai giovani.
VotaVotaVotaVotaVota
Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Commedia

Luigi Pirandello (Autore)
Gabriele Lavia (Regista)
Giordano Corapi (Musica)
Alessandro Camera (Scenografia)
Andrea Viotti (Costumi)

CAST
Daniela Poggi (Attore)
Gianni De Lellis (Attore)
Giorgio Crisafi (Attore)
Giulia Galiani (Attore)
Lucia Lavia (Attore)
Riccardo Bocci (Attore)
Riccardo Monitillo (Attore)
Roberto Bisacco (Attore)
Alessandra Cristiani (Danzatore/Danzatrice)
News
Giornate della Memoria: a teatro per non dimenticare

Fra le tante iniziative romane dedicate alla Memoria, segnaliamo gli eventi di eccezionale unicità.




In scena contro le mafie: intervista a Rosario Mastrota

L'autore e regista cosentino si forma presso i Corsi di Formazione Teatrali di Scena Verticale, collaborando fra l'altro all'organizzazione del festival teatrale Primavera dei Teatri fino all'edizione del 2009 che vale il Premio Ubu. Si perfeziona con Gigi Gherzi, Motus, Yves Lebreton, Massimiliano Civica, Emma Dante, Alfonso Santagata, Riccardo Caporossi, Enzo Moscato, Pippo Delbono e oggi il suo teatro civile si focalizza sul fenomeno della criminalità organizzata e sulla smitizzazione dei suoi eroi negativi. Dal 20 gennaio in scena al Tordinona Ficcasoldi, su ludopatia e business delle sale da gioco, uno dei loro vari spettacoli "etici", tutti pluripremiati.




Al Tordinona contro la ‘ndrangheta

La Compagnia Ragli in scena con Ficcasoldi di Rosario Mastrota, dal 20 al 25 gennaio



fai click per chiudere...