Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto



 

Collegati

Sarto per signora

Al teatro Manzoni di Milano
dal 09.10.2007 al 04.11.2007





Trama:
Scritta dall’allora venticinquenne Gerges Feydeau, dal 1887 questa esilarante commedia non ha smesso di divertire il suo pubblico, contribuendo significamene al rilancio del vaudeville ottocentesco, destinato altrimenti alla decadenza.
...continua


Recensione:
Sono centinaia solo in Italia le compagnie teatrali che ogni anno affrontano questa mise en scène che rivolta come un guanto ogni personaggio, stravolge i dialoghi portandoli al ridicolo, propone colpi di scena a ripetizione, creando così un susseguirsi ininterrotto di situazioni comiche dal dolce retrogusto borghese che ritraggono perfettamente l’atmosfera di giocosa leggerezza della belle époque. E’ l’equivoco il vero protagonista della commedia, la confusione di vicende portate all’estremo in un crescendo di difficoltà per i personaggi; e il divertimento dello spettatore sta tutto nel vedere in che modo debbano arrabattarsi per uscire fuori da imbrogli a volte paradossali. E l’approccio della regia di Andrea Brambilla è anch’esso classico, quasi rispettoso: il testo di Feydeau rimane intatto, non soccombe sotto il peso di grandi individualità come quelle dei due comici milanesi e degli altri meritevoli attori del cast (su tutti uno strepitoso Camillo Mili nei panni della signora Aigreville); anzi, sono proprio le qualità dei singoli interpreti a mettersi al servizio della perfetta macchina scenica dell’autore francese: tanto per fare un esempio, questa volta le “gerarchie” si invertono e tocca a Nino Formicola la parte più da caratterista. Sarto per signora rappresenta probabilmente una svolta nel percorso di Zuzzurro e Gaspare; una sfida di caratura diversa tesa più che a che a cercare la risata facile grazie all’idea ormai consolidata che il pubblico ha maturato della celebre coppia, a mettere in risalto ogni sfaccettatura narrativa di un’opera divertente e impegnativa al tempo stesso. Una sfida vinta con merito.


Curiosità:
La nuova fatica teatrale di Zuzzurro e Gaspare è un grande classico della commedia francese, uno di quei testi senza età che non perdono mai il loro smalto grazie ad un impianto perfettamente costruito.
Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: NON SPECIFICATO
Durata: 145
Georges Feydeau (Autore)
Pamela Aicardi (Costumi)
Raffaele Perin (Luci)

CAST
Camillo Milli (Attore)
Desirée Giorgetti (Attore)
Eleonora D’Urso (Attore)
Gaspare (Attore)
Giovanni Prosperi (Attore)
Marco Zanutto (Attore)
Marianna Dal Collo (Attore)
Zuzzurro (Attore)
News
Prima delle prime: Turandot

Per la decima prima delle prime della stagione, martedì 21 aprile i relatori invitati dagli Amici della Scala saranno Michele Girardi, docente di drammaturgia musicale dell’Università di Pavia, specialista di Puccini del teatro musicale europeo fin de siècle, e il M° Riccardo Chailly. Si parlerà della Turandot in scena al teatro del Piermarini dall'1 al 23 maggio.




Siamo tutti Signor G speciale 25 aprile al Teatro alle Colonne

La libertà è partecipazione. Così cantava Giorgio Gaber e così canta il pubblico, alla fine di Siamo tutti Signor G, sollecitato dal giornalista musicale Fabio Santini, autore dello spettacolo. E la scena si ripeterà, non a caso, il prossimo 25 aprile, in occasione della riproposizione di una versione rinnovata dello spettacolo, al Teatro alle Colonne.

Il palcoscenico, il maxischermo e una seggiola: è la semplice scenografia di Siamo tutti Signor G, che vedrà esecuzioni di brani, filmati, interviste, dove verranno fatte rivivere le canzoni di Gaber, il suo pensiero, l'anima di un grande del teatro.



Riccardo Chailly apre una prova di Turandot alle Università
Sarà aperta agli studenti di tutte le Università milanesi la prova di venerdì 24 aprile della Turandot con la direzione di Riccardo Chailly e la regia di Nikolaus Lehnhoff. Il 1° maggio Turandot inaugurerà il cartellone della Scala per Expo. 

La prova avrà inizio alle ore 19, ma dalle 18 Riccardo Chailly racconterà agli studenti l’opera di Puccini e risponderà a eventuali domande. In particolare sarà approfondita la presentazione del Finale realizzato da Luciano Berio nel 2002 studiando gli schizzi lasciati dal compositore e utilizzandone 23 su 30 (nel “finale Berio” 133 battute su 307 sono di Puccini). 

L’incontro, organizzato dal Servizio Promozione Culturale, è già tutto esaurito. Sono stati invitati studenti di tutte le Università milanesi: Statale, Bocconi, Cattolica, Politecnico, Bicocca, IULM e San Raffaele, oltre ad allievi dell’Accademia della Scala, della Civica Scuola di Musica, del Conservatorio. Saranno presenti anche alcuni studenti del Conservatorio di Como che hanno seguito un corso su Turandot


fai click per chiudere...