Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto

 

Collegati

La Fanciulla del West

Al teatro Teatro dell'Opera di Roma
dal 08.04.2008 al 15.04.2008





Trama:
Banditi, sceriffi, cercatori d’oro e la donna del saloon su cui convergono tutte le passioni e le trame: la musica di Giacomo Puccini nella stagione dedicata al 150° della sua nascita riporta all’Opera di Roma, dopo vent’anni, La fanciulla del West.
...continua


Recensione:
Sull’andante maestoso dell’Ouverture, il grande sipario dell’Opera scopre alla vista l’interno del Saloon della “Polka”, luogo immaginifico dell’omonimo dramma di Belasco, scenicamente reso da Giancarlo Del Monaco, all’altezza delle produzioni hollywoodiane anni ’70, con interni in legno nervato, via vai di minatori in cappello a falde larghe e stivali consunti, girotavoli di poker e la bella locandiera, da tutti più che amata, che entra in scena da Faraona. Le tonalità minori condotte dagli archi e il pianissimo corale tenorile, montano l’attesa del riuscito parapiglia da saloon che anticipa il bellissimo ingresso di Minnie (una coraggiosa e convincente Virginia Todisco), che si pianta al centro della scena, donna passionale e di vigore, alter ego emotivo di una Butterfly lontana anni luce in questa composizione di un Puccini leggiadro, coinvolgente, finalmente autore di autentico melò Il dinamismo infuso in quest’edizione dalla maestra regia di Del Monaco è affascinante: postiglioni a cavallo sullo sfondo (di un palco che, davvero, appare infinito), caotiche apparenze di movenze da cowboy in realtà studiate al centimetro, fanno da sfondo all’insidioso duetto sincopato tra Johnson e Minnie, che tra acuti improvvisi a incisivi (sebbene buona parte della critica lamentasse nell’opera l’assenza di un’aria classica per la protagonista), prepara il lirismo successivo su un tema di valzer variegato dai fiati. L’amore è un colpo di fulmine che trasforma gli animi, elevandone da essi il meglio e moltiplicandone gli stimoli, costantemente titillati nella capanna di Minnie, dove un quadro di scena ancora una volta accattivante, riscaldato dai puntamenti bluastri di Santini e tormentato ad arte dalle scale rapidissime dei legni, fa da sfondo al desiderio violento di Rance e alla salvifica partita a poker della protagonista, che premia la redenzione di Johnson-Ramerrez con un esplosivo, catartico e meraviglioso “E’ Mio”. La fanciulla del West è un’opera piacevole per chi ama l’Opera, è una scoperta magnifica per chi teme di non gradirla, consigliabile, senza dubbio, a chi ama il filone cinematografico western, spesso connotato da superlative colonne sonore. E’ un’opera rivolta a chi possa apprezzarne la leggerezza, fino al punto di rubare le parole più belle rivolte da Johnson a Minnie “Ciò che avremmo potuto essere, io lo comprendo ora che Vi guardo”


Curiosità:
Il dinamismo infuso in quest’edizione dalla maestra regia di Del Monaco è affascinante
Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: NON SPECIFICATO
Durata: 150
Giancarlo Del Monaco (Costumi)
Alessandro Santini (Luci)
Wolfgang von Zoubeck (Luci)

CAST
Gianluigi Gelmetti (Attore)
Mauro Buda (Attore)
Renzo Zulian (Attore)
Virginia Todisco (Attore)
fai click per chiudere...