Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto











 

Collegati

L'ignorante e il folle

Al teatro Teatridithalia - Elfo di Milano
dal 25.03.2008 al 20.04.2008





Trama:
Prima in un camerino di un teatro dell'opera, poi in un ristorante viennese, la storia agrodolce di una cantante soprano.
...continua


Recensione:
Il sipario si apre su una scena drappeggiata in rosso, ai lati alte colonne di rose anch'esse rosse, al centro campeggia un enorme specchio, il tutto è immerso in un'aura funerea, si ha l'impressione di trovarsi all'interno di un sepolcro, di una camera mortuaria. Siamo invece nel camerino di un celebre soprano di coloratura che di lì a breve dovrà fare il suo ingresso in scena nei panni della Regina della Notte nel mozartiano Die Zauberflote (Il Flauto Magico). Nel camerino il vecchio padre della cantante, un appropriato e visionario Luca Toracca, e un verboso Dottore, uno strepitoso Ferdinando Bruni co-regista dello spettacolo insieme a Francesco Frongia, aspettano impazienti l’arrivo della donna ingannando il vuoto dell’attesa. Un vuoto che assume connotati esistenziali: l’uno si stordisce con l’alcol e l’altro con una sadica descrizione dei suoi interventi sui cadaveri. Il corpo umano è una macchina, estremamente fragile, come delicato strumento è la sublime voce della cantante, un dono di natura affinato da un implacabile sforzo tecnico che riduce l’artista a puro meccanismo. Così, sostiene il Dottore, anziché essere esaltazione e salvezza per l’individuo, l’arte si rivela per quello che è: artificio, espediente. Dure, ossessive, le parole di Thomas Bernhard spiazzano e disorientano completamente lo spettatore con scarti drastici da un argomento all'altro, improvvise espressioni sentenziose e associazioni di senso che sembrano nascere proprio in quell'attimo nella mente dei personaggi e il cui significato emerge lentamente. Il soprano arriva finalmente in camerino, la sua entrata in scena è continuamente scandita dal ripetersi di gesti banali, carichi delle ossessioni e degli incubi di ogni artista prima della prima. L'opera è iniziata e la donna, una nevrotica ma straordinariamente fragile Ida Marinelli, si abbandona al panico: il suo costume è destinato a strapparsi, la corona le cadrà dalla testa, sarà costretta a dare forfait. Forse è questo che desidera, ma alla fine, come ogni sera, andrà in scena. Dobbiamo davvero essere grati a Ferdinado Bruni e Francesco Frongia per la loro raffinata scelta drammaturgica, per aver avuto il coraggio di misurarsi con un testo così complesso, un testo verrebbe da dire anti-teatrale, dando vita ad un allestimento altamente significativo sotto tutti gli aspetti. Efficace e suggestiva l'elaborata partitura sonora composta da suoni e rumori che sottolineano puntualmente l'azione interna dei personaggi. Gli attori, come ho già ricordato, sono tutti di alto livello compresa Corinna Augustoni nella doppia veste di costumista e cameriera. Nel finale ritroviamo i tre personaggi riuniti in una sorta di camera iperbarica, in realtà la sala di un lussuoso ristorante, intenti a cenare dopo lo spettacolo, soli e circondati da vasche popolate di aragoste che si muovono mute in attesa della morte. Un micidiale buio invaderà lentamente la scena facendo piombare nelle più oscure tenebre della mente i personaggi, giunti ormai sull'orlo di un baratro per loro invisibile, e segnando così la fine dello spettacolo.


Curiosità:
Dobbiamo davvero essere grati a Ferdinado Bruni e Francesco Frongia per la loro raffinata scelta drammaturgica, per aver avuto il coraggio di misurarsi con un testo così complesso.
Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: NON SPECIFICATO
Durata: 105
Thomas Bernhard (Autore)
Francesco Frongia (Regista)
Nando Frigerio (Luci)

CAST
Corinna Agustoni (Attore)
Ferdinando Bruni (Attore)
Ida Marinelli (Attore)
Luca Toracca (Attore)
News
ScalAperta: il Piermarini teatro di tutti

Avvicinare sempre di più il Teatro ai cittadini, renderlo sempre meno elitario, accessibile a tutti. È quello che si propone il progetto “ScalAperta” che prevede la vendita a metà prezzo di una o più recite dei principali spettacoli della stagione, con lo stesso direttore e lo stesso cast delle recite vendute a prezzo intero, un'iniziativa che il Sovrintendente Pereira aveva già sperimentato con successo a Zurigo. Si comincia con Lo schiaccianoci del 18 gennaio, in vendita dal 29 dicembre.




Massimo Fini e Pietrangelo Buttafuoco ospiti di Manzoni cultura

Secondo appuntamento del ciclo "Manzoni cultura" il 15 dicembre, ore 21. Protagoniste due figure scomode e anticonformiste: il giornalista, ma anche scrittore e drammaturgo nonché attore, Massimo Fini, polemista, antimodernista, portatore del pensiero relativista, direttore de La voce del Ribelle; il romanziere, saggista e giornalista de Il Foglio Pietrangelo Buttafuoco.

Data emblematica il 15 dicembre, anniversario della nascita (37 dopo Cristo) di Nerone, imperatore passato alla storia come un satrapo crudele tiranno, un persecutore dei cristiani, quello che "alla fine incendiò la città", come cantava Bennato. A Nerone, Fini ha dedicato un libro che confuta duemila anni di calunnie iniziate coi 'gossip' di Svetonio. 

Conducono la serata l’attore regista Edoardo Sylos Labini e il giornalista e autore televisivo Marco Ventura, con la partecipazione del dj Antonio Aprea. 



Gennaro Cannavacciuolo omaggia Modugno alla Sala Fontana

Torna l'istrionico Gennaro Cannavacciuolo alla Sala Fontana, stavolta per omaggiare, nel ventesimo anniversario della sua scomparsa, l'icona della musica leggera italiana, vale a dire Domenico Modugno. Dopo aver rievocato i fasti dell'avanspettacolo con Il mio nome è Milly, si dedica ora alla canzone italiana in uno spettacolo che non poteva che intitolarsi Volare, in scena dall'11 al 14 dicembre. 



fai click per chiudere...