Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Il Dio della carneficina

Regia di - Roberto Anḍ
Al teatro Eliseo di Roma
dal 15.12.2009 al 10.01.2010

Vedi tournée



Trama:
Mezza Europa ride amaro davanti a questo pomeriggio parigino dove due coppie di genitori giocano a fare gli "aperti" davanti alle risse dei propri figli... per poi mostrare il peggio di se stessi.
...continua


Recensione:

Sono congelati sulla scena, per qualche attimo, all'inizio e poi alla fine. Come a dire: non saranno cambiati granché, in questa ora e mezza di reciproca scoperta, i quattro genitori "moderni", parigini ma non troppo al centro della storia. Il regista Roberto Andò si limita a costruire una elegante gabbia per sbranarsi meglio, con due divani, vasi di tulipani comprati per sorridere ai nuovi arrivati, e poi un phon, per asciugare vomiti e lacrime. La coppia "Bonaiuto-Orlando" butta a sinistra, lei cura i mali del Darfur, lui vende sanitari e sciacquoni utili a tutti. Sono i genitori del figlio picchiato, con due denti rotti: faranno i tolleranti, non chiedono risarcimenti, ma mostrano ben presto i loro odii, per gli arricchiti come per i criceti. La coppia "Cescon-Boni" è più destrorsa, non intende chiedere davvero scusa, un figlio aggressore va comunque difeso se è stato provocato a parole e sopratutto isolato dalla banda teppistella del rivale, come va difesa una casa farmaceutica che nasconde i danni dei suoi famosi farmaci.

La bravura della Reza è nel centellinare con arte lo "scoprirsi" delle vere anime, nonchè della precarietà e ipocrisia che tiene insieme ciascuna coppia. Dietro l'apparente non-difesa della propria prole - di cui ci viene rivelato poco o nulla, perchè è un mondo separato dagli adulti - c'è questa progressiva, aggressiva maniera adulta di stare al mondo, finto buonista, giudicando gli sconosciuti, autoassolvendosi ora e sempre. Un gioco scritto in punta di penna e messo in scena in scioltezza senza usare toni forti, melanconico a tratti, più che drammatico quando su tutto vincono gli effetti dell'alcol. Specie la Bonaiuto (che indirettamente risponde all'originale parigino della Huppert) recita con gli occhi e le mani, non "cerca" la battuta come Orlando, anche se il più convincente alla fine è forse proprio Boni plausibile anche fuori del televideo.

(Paolo Giammarroni)




Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: NON SPECIFICATO
Durata: Il Dio della carneficina
Yasmina Reza (Autore)
Roberto Anḍ (Regista)
Gianni Carluccio (Luci)

CAST
Alessio Boni (Attore)
Anna Bonaiuto (Attore)
Michela Cescon (Attore)
Silvio Orlando (Attore)
News
Giornate della Memoria: a teatro per non dimenticare

Fra le tante iniziative romane dedicate alla Memoria, segnaliamo gli eventi di eccezionale unicità.




In scena contro le mafie: intervista a Rosario Mastrota

L'autore e regista cosentino si forma presso i Corsi di Formazione Teatrali di Scena Verticale, collaborando fra l'altro all'organizzazione del festival teatrale Primavera dei Teatri fino all'edizione del 2009 che vale il Premio Ubu. Si perfeziona con Gigi Gherzi, Motus, Yves Lebreton, Massimiliano Civica, Emma Dante, Alfonso Santagata, Riccardo Caporossi, Enzo Moscato, Pippo Delbono e oggi il suo teatro civile si focalizza sul fenomeno della criminalità organizzata e sulla smitizzazione dei suoi eroi negativi. Dal 20 gennaio in scena al Tordinona Ficcasoldi, su ludopatia e business delle sale da gioco, uno dei loro vari spettacoli "etici", tutti pluripremiati.




Al Tordinona contro la ‘ndrangheta

La Compagnia Ragli in scena con Ficcasoldi di Rosario Mastrota, dal 20 al 25 gennaio



fai click per chiudere...