Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Sogno di una notte d'estate

Regia di - Carlo Cecchi
Al teatro Vascello di Roma
dal 31.01.2012 al 12.02.2012

Vedi tournée

Nell’ambito della manifestazione Shakespeare in città, curata dal Teatro Stabile delle Marche Carlo Cecchi ha realizzato una nuova messa in scena del celebre capolavoro, avvalendosi degli artisti dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”.



Trama:
La storia è ambientata in Grecia, più  precisamente in un bosco incantato di questo Paese. Il tutto avviene la notte prima del matrimonio tra Teseo, duca d'Atene e Ippolita, la regina delle Amazzoni. Troviamo in fuga Ermia, una bella fanciulla promessa sposa dal padre Egeo a Demetrio un uomo che lei non ama, e Lisandro, l'uomo che in realtà lei ama ma che il padre non accetta come futuro genero. Ermia si trova a fuggire dal padre e da quel matrimonio combinato contro il suo volere. Demetrio cerca di inseguire la sua amata Ermia scappata con Lisandro all'interno del bosco. 
...continua


Recensione:

È nato come un saggio di diploma, è diventato uno spettacolo delizioso. Parliamo del Sogno di una notte d'estate di Carlo Cecchi: pensato e realizzato come saggio finale del 2009 dell'Accademia Silvio D'Amico, il lavoro di Cecchi è stato poi ripreso dal Festival dei due mondi e dal Teatro Stabile delle Marche, così che gli ex colleghi di corso si sono ritrovati in una vera e propria compagnia alle prese con la prima tournée. Tra i testi più conosciuti del corpus shakespeariano, il Sogno celebra, nella rapsodia dei suoi intrecci, nei suoi personaggi a metà tra la fantasia celtica ed ellenistica, nei suoi rubicondi giochi linguistici, il genio assoluto di un autore che fu capace di eludere la sorveglianza di ogni canone e contingenza storica. Gli sberleffi metateatrali della compagnia di artigiani si accostano a una colorata serie di parodie, tra cui spiccano quelle femminili (per una volta, è Dafne ad inseguire Apollo!), a dimostrare quanto Shakespeare si ispirasse sì alla tradizione, ma mai passivamente, cogliendo anzi al volo ogni occasione d'ironia.

Nel Sogno di Cecchi e dei suoi giovanissimi attori non c'è scenografia: gli spazi sono riempiti da una fitta ragnatela di movimenti, la cui coralità contribuisce non poco alla dirompenza dell'effetto comico. I punti d'entrata e di uscita sono tantissimi, anche oltre la quarta parete: il pubblico viene così coinvolto, accerchiato dalle faville di questo vivace carosello teatrale, che comunque rimane nell'emisfero della norma: se è vero che il limite del proscenio viene spesso superato, resta comunque sempre presente un limite mentale, comunque discriminante per la geografia della scena. Come ha già fatto notare Renato Palazzi, per larghi tratti la pièce sembra quasi volersi mostrare come un lavoro d'improvvisazione su materiale non ancora compiuto, in cui gli oggetti di scena vengono trascelti per istantanea casualità. Le tecniche parodiche non sono originali, ma ben studiate ed efficaci: si gioca soprattutto sul rapporto tra uomini e donne e sugli errori grammaticali dell'improvvisata troupe di artigiani. Proprio le scene metateatrali, di solito relegate a mera cucitura della vicenda principale, diventano la colonna portante di questo Sogno: la scelta di puntare sulla lingua e la caratterizzazione napoletana ha conseguenze esilaranti, arando il campo delle risate per la semina dello strepitoso Cotogno di Cecchi, un ruolo talmente adatto a lui che è probabile pensare non gli sia servito alcuno sforzo recitativo.  La traduttrice e poetessa Patrizia Cavalli riesce, per lunghi tratti, a mantenere la rima baciata del testo originale, riuscendo ad avvicinarsi -risultato davvero raro nelle traduzioni italiane- alla prosodia incalzante e magica dei versi inglesi.

Così, da un testo splendido, esplode una gioia tutta naturalistica, una reazione a catena unita dal filo della vivacità, una celebrazione senza spigoli della democrazia del caso: gli attori, pur senza slanci memorabili (a parte, oltre Cecchi, il Puck di Silvia d'Amico), assecondano  quest'energia con un visibile entusiasmo. In sala si ride, si partecipa, si riceve una calda iniezione di vita: verrebbe quasi da rispolverare un vecchio parolone, quella piece bien faite che, nei contorni stabiliti, nell'acribia della precisione, pur senza ribaltare il mondo, ci fa sentire a casa per una sera, e non fa niente se fuori è quasi gelo, e il bavero troppo leggero.




Recensione:

Carlo Cecchi mantiene in questo allestimento il tradizionale impianto della commedia greca della nuova fase, in cui la mano di Shakespeare era già intervenuta apportando significative modifiche al consueto intreccio di situazioni. Un matrimonio osteggiato ma che si realizza a dispetto delle convenzioni ateniesi e degli interessi famigliari, amori non corrisposti che infine si compongono, relazioni sentimentali che si aggrovigliano e si deteriorano fino alla riconciliazione finale. Un garbuglio di complicazioni che si scioglie attraverso un artificio che vede l’innesto sulla scena di folletti e fate, che prendono il posto del servo scaltro della tradizione classica.

Il regista si è confrontato con il testo shakespeariano, ricavandone una riduzione breve e di taglio minimalista, sobria nell’ambientazione immaginaria di un bosco incantato e assolutamente privo di ornamenti decorativi. Un paesaggio onirico e spoglio che ha tuttavia un sottofondo di durezza cupa, nel quale i quattro giovani protagonisti vengono come risucchiati dal presente. Pur senza avvalersi della presenza di importanti supporti scenici, la rappresentazione di Cecchi scende con efficacia nella profondità dei sentimenti umani, indicando tensioni e delineando complesse relazioni individuali.

Tutto giocato sul movimento esplicito di personaggi apparentemente fuori dal tempo, ma che in maniera sottile raccontano tutta la purezza interiore a cui abbiamo sconsideratamente rinunciato, lo spettacolo alterna momenti visivamente molto intensi ad altri meno risolti scenicamente, ma è costantemente sostenuto da una vibrante tensione emotiva, a cui la traduzione poetica di Patrizia Cavalli concede ampi frammenti di straniante lirismo. Una commedia che si lascia apprezzare particolarmente per il fatto di essere un concertato di buone prove interpretative da parte dei giovani attori dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, i quali mettono in scena con convincente determinazione la capacità del teatro di farsi portatore di una continua riflessione lungo il solco che divide il sogno dalla realtà.   




Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Commedia
Durata: 90'
William Shakespeare (Tratto da)
Patrizia Cavalli (Traduttore)
Carlo Cecchi (Regista)
Sandra Cardini (Costumi)
Camilla Piccioni (Luci)

CAST
fai click per chiudere...