Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto
 

Collegati

6% Cca na vota era tutta campagna

Al teatro della Cooperativa di Milano
dal 17.03.2010 al 21.03.2010



C'era una volta. Ma non è una fiaba.



Trama:
Un padre parla alla culla del figlio. Storie, tradizioni, amarezze per un mondo che ormai esiste solo nella sua memoria
...continua


Recensione:

Due sedie e una culla. Luci minimali. Un pesce che penzola dal soffitto insieme ad alcuni orari ferroviari e a un a sfilza di dati su quanto male fa l'inquinamento di amianto nel siracusano.
Poi le parole. Le ricette, le storie di paese, la devozione. E i luoghi, i giochi dei ragazzi, le battute. Parole.

Parole allineate su una macchina narrativa solida che solo apparentemente ogni tanto devìa dal proprio binario, ma che invece, come in un giallo, costantemente arricchiscono di elementi una trama che, appunto nel finale, raggiunge il suo apice.
Parole semplici, a volte incomprensibili a chi non mastica di siciliano eppure mutuate dalla strada, dalla terra, dal lavoro della gente. Parole vivide, capaci di colorare l'immaginazione, pregne come sono dei ricordi di chi le sta pronunciando.

Il teatro di parola proposto da Pugliares è un un flusso emotivo ed emozionante, che passa di associazione in associazione per raccontare una storia fatta di tante piccole storie, una vita che, quasi per destino, per accidente, per Caso, si trova a contatto con gli effetti peggiori della rivoluzione industriale della sua terra. Una rivoluzione colpevole che, forse persino con buone intenzioni, ha finito per distruggere, sporcare e violentare una tradizione, una terra e un popolo.

Il dolore di un padre diventa il dolore di una regione che non capisce perché il tasso delle morti per tumore sia più che triplicato dopo l'apertura delle grandi industrie chimiche, che non giustifica la distruzione di un paese per la costruzione di una raffineria, che si sente tradita dalla sua stessa terra.

Qui una volta era tutat campagna. E sole. E mare. E gente. Tutte cose che, nell'eredità delle future generazioni, non saranno più neppure un ricordo




CuriositÓ:

Parte dello spettacolo è in dialetto siciliano

Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Monologo
Durata: 70'
Domenico Pugliares (Autore)
Domenico Pugliares (Regista)

CAST
News
I colori dele danze e delle musiche persiane 21 novembre Isolacasateatro

Il 21 novembre alle ore 21 presso Isolacasateatro, via Jacopo dal Verme 16, una serata dedicata alla cultura persiana: uno spettacolo/seminario che avrà come protagonisti la regista e danzatrice Aram Ghasemy e il musicista Pejman Tadayon.

L’intenzione di questo spettacolo è quella di diffondere la cultura iraniana attraverso la danza e la musica.
 
L'esibizione delle varie danze sarà seguita da brevi immagini e video con lo scopo di spiegare le particolarità del brano e della pièce di danza da un punto di vista musicologico, artistico, geografico e culturale.
 
Il corpo si muove con la musica e allo stesso tempo prende ispirazione dal cielo, dalla terra e dall’ambiente circostante. 



Le mille e una notte alla Sala Fontana

Nessuna lampada di Aladino, nessun tappeto magico. Le mille e una notte del Teatro del Carretto di Lucca, in scena alla Sala Fontana, prende dall’antica raccolta di novelle orientale quel suo nucleo narrativo agghiacciante, svaporato da tutta la vulgata fiabesca. Il sultano che uccide sistematicamente tutte le sue nuove mogli, dopo la prima notte di nozze, per vendicarsi di una di queste che lo tradì, per vendicarsi quindi della donna. Un tema antropologico, la violenza di genere, un retaggio fallocratico e patriarcale che si trascina dalla notte dei tempi, duro a morire come dimostrano i tanti, drammatici, casi che sistematicamente campeggiano sui nostri giornali, che configurano un vero e proprio allarme sociale. La violenza sulle donne, il femminicidio, sono i temi dello spettacolo che attinge dalla letteratura come dalla cronaca. Ma dall’antico testo letterario, il Teatro del Carretto, riprende anche quel senso di narrazione a scatole cinesi che si traduce in metateatro.

Al Teatro Sala Fontana dal 20 al 30 novembre.




Le canzoni della libertÓ - Human Discount Evolution al Teatro alle Colonne dal 14 al 16 novembre

Lo spettacolo ormai storico della compagnia scheriANIMAndelli, Human Discount, fulcro della loro concezione di teatro ad alto contenuto umano, che peraltro inaugurò la prima stagione del Teatro alle Colonne, subisce un'evoluzione. Viene infatti presentato dal 14 al 16 novembre con profonde modifiche. Nuovi monologhi da un lato, interpretati da Nicoletta Mandelli e Veronica Maffezzoli, e dall'altro una nuova declinazione in forma di teatro canzone con i brani scritti e interpretati da Paolo Scheriani, connessi con i temi dello spettacolo. Al teatro di parola, alle videoinstallazioni di Luca Lisci, si aggiunge così una nuova dimensione, quella musicale dal vivo.



fai click per chiudere...