Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto
 

Collegati

6% Cca na vota era tutta campagna

Al teatro della Cooperativa di Milano
dal 17.03.2010 al 21.03.2010



C'era una volta. Ma non è una fiaba.



Trama:
Un padre parla alla culla del figlio. Storie, tradizioni, amarezze per un mondo che ormai esiste solo nella sua memoria
...continua


Recensione:

Due sedie e una culla. Luci minimali. Un pesce che penzola dal soffitto insieme ad alcuni orari ferroviari e a un a sfilza di dati su quanto male fa l'inquinamento di amianto nel siracusano.
Poi le parole. Le ricette, le storie di paese, la devozione. E i luoghi, i giochi dei ragazzi, le battute. Parole.

Parole allineate su una macchina narrativa solida che solo apparentemente ogni tanto devìa dal proprio binario, ma che invece, come in un giallo, costantemente arricchiscono di elementi una trama che, appunto nel finale, raggiunge il suo apice.
Parole semplici, a volte incomprensibili a chi non mastica di siciliano eppure mutuate dalla strada, dalla terra, dal lavoro della gente. Parole vivide, capaci di colorare l'immaginazione, pregne come sono dei ricordi di chi le sta pronunciando.

Il teatro di parola proposto da Pugliares è un un flusso emotivo ed emozionante, che passa di associazione in associazione per raccontare una storia fatta di tante piccole storie, una vita che, quasi per destino, per accidente, per Caso, si trova a contatto con gli effetti peggiori della rivoluzione industriale della sua terra. Una rivoluzione colpevole che, forse persino con buone intenzioni, ha finito per distruggere, sporcare e violentare una tradizione, una terra e un popolo.

Il dolore di un padre diventa il dolore di una regione che non capisce perché il tasso delle morti per tumore sia più che triplicato dopo l'apertura delle grandi industrie chimiche, che non giustifica la distruzione di un paese per la costruzione di una raffineria, che si sente tradita dalla sua stessa terra.

Qui una volta era tutat campagna. E sole. E mare. E gente. Tutte cose che, nell'eredità delle future generazioni, non saranno più neppure un ricordo




CuriositÓ:

Parte dello spettacolo è in dialetto siciliano

Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Monologo
Durata: 70'
Domenico Pugliares (Autore)
Domenico Pugliares (Regista)

CAST
News
Prima delle prime: Turandot

Per la decima prima delle prime della stagione, martedì 21 aprile i relatori invitati dagli Amici della Scala saranno Michele Girardi, docente di drammaturgia musicale dell’Università di Pavia, specialista di Puccini del teatro musicale europeo fin de siècle, e il M° Riccardo Chailly. Si parlerà della Turandot in scena al teatro del Piermarini dall'1 al 23 maggio.




Siamo tutti Signor G speciale 25 aprile al Teatro alle Colonne

La libertà è partecipazione. Così cantava Giorgio Gaber e così canta il pubblico, alla fine di Siamo tutti Signor G, sollecitato dal giornalista musicale Fabio Santini, autore dello spettacolo. E la scena si ripeterà, non a caso, il prossimo 25 aprile, in occasione della riproposizione di una versione rinnovata dello spettacolo, al Teatro alle Colonne.

Il palcoscenico, il maxischermo e una seggiola: è la semplice scenografia di Siamo tutti Signor G, che vedrà esecuzioni di brani, filmati, interviste, dove verranno fatte rivivere le canzoni di Gaber, il suo pensiero, l'anima di un grande del teatro.



Riccardo Chailly apre una prova di Turandot alle UniversitÓ
Sarà aperta agli studenti di tutte le Università milanesi la prova di venerdì 24 aprile della Turandot con la direzione di Riccardo Chailly e la regia di Nikolaus Lehnhoff. Il 1° maggio Turandot inaugurerà il cartellone della Scala per Expo. 

La prova avrà inizio alle ore 19, ma dalle 18 Riccardo Chailly racconterà agli studenti l’opera di Puccini e risponderà a eventuali domande. In particolare sarà approfondita la presentazione del Finale realizzato da Luciano Berio nel 2002 studiando gli schizzi lasciati dal compositore e utilizzandone 23 su 30 (nel “finale Berio” 133 battute su 307 sono di Puccini). 

L’incontro, organizzato dal Servizio Promozione Culturale, è già tutto esaurito. Sono stati invitati studenti di tutte le Università milanesi: Statale, Bocconi, Cattolica, Politecnico, Bicocca, IULM e San Raffaele, oltre ad allievi dell’Accademia della Scala, della Civica Scuola di Musica, del Conservatorio. Saranno presenti anche alcuni studenti del Conservatorio di Como che hanno seguito un corso su Turandot


fai click per chiudere...