Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Roman e il suo cucciolo (Cuba and his Teddy Bear)

Al teatro Franco Parenti di Milano
dal 08.11.2011 al 27.11.2011

Vedi tournée

Un racconto sui migranti non ideologico né agiografico



Trama:
 Un ritratto della società contemporanea che ha come protagonista la classe sociale più infima del genere umano.
...continua


Recensione:

E bravo Gassman junior. “Roman e il suo cucciolo”, la terza rappresentazione del regista-attore – dopo “La forza dell’abitudine” di T. Bernhard e “La parola ai giurati” di R. Rose -  appare proprio ben confezionata. Piace la scelta di un classico teatrale particolare, reso appetibile dai tratti noir e in certi punti pulp (cfr. il sipario di sangue).  Piace la regia non solo degli attori sul palco ma anche di tutte le competenze che hanno collaborato alla riuscita dello spettacolo e che ricordiamo di seguito con ordine di gradimento personale.

Innanzitutto, Edoardo Erba, l’abile traduttore-traditore che fornisce una versione documentata e coraggiosa del testo di Reinaldo Povod. Erba è traduttore-traditore perché procede alla modifica sostanziale di ambiente e personaggi, trasformando, per la traduzione italiana, i cubani negli States dell’originale nei rumeni delle periferie romane. Erba è però anche abile perché traduce e non tradisce lo spirito originario della lettera, spirito che riemerge in personaggi e situazioni più vicini e più accessibili all'italico gusto.

Tra le altre competenze c’è poi quella di Marco Schiavoni, autore delle installazioni e dello schermo impercettibile di tulle che copre le scene, sul quale vengono proiettati alcuni flashback. Questo strumento crea un apprezzabile effetto film, soprattutto al momento degli originali titoli di coda dinamici. L’interazione tra i due generi, cinema e teatro, quando discreta, rende bene.

Veniamo  agli attori. Tutti molto convincenti ma due in particolare: Sergio Meograssi (Che), il tossico elegante, filosofo e antipatico fino alla simpatia, e Manrico Gammarota (Geco), l’incontenibile pugliese, venditore di fumo, simpatico mai sconfinante con l’antipatia.

E poi c’è lui, il regista-attore A. Gassman. Che sceglie una bella storia di un complesso rapporto tra padre-figlio, un dramma si direbbe piccolo-borghese all’italiana, come tanti film di questi anni, se non fosse per il fatto che i protagonisti della piéce sono rumeni che vivono nel degrado. Come a dire che certe dinamiche non conoscono proprio il significato del termine razzismo. Anche per questo punto di vista su un tema delicato, Amnesty ha riconosciuto il suo patrocinio allo spettacolo: un racconto sui migranti non ideologico né agiografico.
Aldilà degli adattamenti e delle sperimentazioni, delle letture politiche che è consapevole di attirare, ‘Roman e il suo cucciolo” è un’opera teatrale che dimostra la maturità artistica di un A. Gassman che non teme di assumere lo stesso ruolo che 26 anni fa a New York vestiva Robert de Niro e di recitare al teatro Quirino, intitolato a suo padre.




LupoLibero76 - 11-04-2011 08:28:28
Bello, divertente, emozionante e triste, c`è un po di tutto, gli attori sono molto bravi, hanno dato senso alla storia che merita di essere raccontata, Le scenografie molto elaborate, il velo davanti che funzionava da telo per le proiezioni mi ha affascinato già dal primo momento in cui viene utilizzato, le pareti degli ambienti chiusi che scomparivano con la sola luce, facendo vedere quello che accadeva all`interno. Tutto con uno sfondo sempre in movimento dove le auto sul raccordo anulare sfrecciavano, inconsapevoli degli avvenimenti dentro all`appartamento. Bravo Alessandro Gasman, era la prima volta che lo vedevo a teatro e posso dire di essere rimasto soddisfatto, tutti gli altri attori, senza andare nel dettaglio, meritano un BRAVISSIMI. Andate a vederlo finché è in scena. Sono 2 atti, poco più di 2 ore di spettacolo che passano veloci e non è poco :-D
VotaVotaVotaVotaVota
Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Drammatico

Reinaldo Povod (Autore)
Edoardo Erba (Traduttore)
Edoardo Erba (Adattamento)
Alessandro Gassman (Regista)

CAST
News
Feltrinelli una storia contro

La figura di Giangiacomo Feltrinelli, l'editore che entrò in clandestinità e che fu trovato morto nel 1972, sarà rievocata sabato 29 novembre al Teatro delle Colonne, nello spettacolo Feltrinelli una storia contro.




I colori dele danze e delle musiche persiane 21 novembre Isolacasateatro

Il 21 novembre alle ore 21 presso Isolacasateatro, via Jacopo dal Verme 16, una serata dedicata alla cultura persiana: uno spettacolo/seminario che avrà come protagonisti la regista e danzatrice Aram Ghasemy e il musicista Pejman Tadayon.

L’intenzione di questo spettacolo è quella di diffondere la cultura iraniana attraverso la danza e la musica.
 
L'esibizione delle varie danze sarà seguita da brevi immagini e video con lo scopo di spiegare le particolarità del brano e della pièce di danza da un punto di vista musicologico, artistico, geografico e culturale.
 
Il corpo si muove con la musica e allo stesso tempo prende ispirazione dal cielo, dalla terra e dall’ambiente circostante. 



Le mille e una notte alla Sala Fontana

Nessuna lampada di Aladino, nessun tappeto magico. Le mille e una notte del Teatro del Carretto di Lucca, in scena alla Sala Fontana, prende dall’antica raccolta di novelle orientale quel suo nucleo narrativo agghiacciante, svaporato da tutta la vulgata fiabesca. Il sultano che uccide sistematicamente tutte le sue nuove mogli, dopo la prima notte di nozze, per vendicarsi di una di queste che lo tradì, per vendicarsi quindi della donna. Un tema antropologico, la violenza di genere, un retaggio fallocratico e patriarcale che si trascina dalla notte dei tempi, duro a morire come dimostrano i tanti, drammatici, casi che sistematicamente campeggiano sui nostri giornali, che configurano un vero e proprio allarme sociale. La violenza sulle donne, il femminicidio, sono i temi dello spettacolo che attinge dalla letteratura come dalla cronaca. Ma dall’antico testo letterario, il Teatro del Carretto, riprende anche quel senso di narrazione a scatole cinesi che si traduce in metateatro.

Al Teatro Sala Fontana dal 20 al 30 novembre.



fai click per chiudere...