Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto



 
Video


VIDEO

Collegati

Il Mistero Buffo nella versione pop 2.0

Al teatro Piccolo Teatro Strehler di Milano
dal 05.06.2012 al 20.06.2012

Vedi tournée

Un equilibrista cammina sul suo filo, è un po' incosciente come tutti quelli del suo mestiere. Ma forse lui di più, perchè alterna la camminata alla corsa e perchè sotto non c'è la rete di protezione.Così è Paolo Rossi che saltella in punta di piedi su quella striscia di terra che è il limite tra sacro e profano.E lo fa con la leggerezza del comico.



Trama:
Il Mistero Buffo è un monologo  che rilegge in chiave buffonesca i misteri religiosi. Si parte dai vangeli apocrifi,da alcuni episodi biblici e da versioni popolari sulla vità di Gesù e, servendosi di una lingua reiventata, onomatopeica, con una forte base dialettale dell'Italia del Nord, si narrano queste vicende antiche mischiandole con la nostra quotidianità.
...continua


Recensione:

Un equilibrista cammina sul suo filo, è un po' incosciente come tutti quelli del suo mestiere. Ma forse lui di più, perchè alterna la camminata alla corsa e perchè sotto non c'è la rete di protezione.
Così è Paolo Rossi che saltella in punta di piedi su quella striscia di terra che è il limite tra sacro e profano.E lo fa con la leggerezza del comico.
I suoi misteri buffi sono largamente ispirati a quelli di Dario Fo, ma sono intrisi della cronaca dei nostri giorni, proprio com'è nella natura dei misteri.In una scenografia che è un palco sul palco, perchè, in qualsiasi momento, lo spettacolo possa continuare, se non dentro a un teatro, almeno per strada. Improvvisamente irrompe un uomo in motorino con un Rossi che affannato lo segue.
E' il prologo.Il comico spiega al suo pubblico quello che si appresterà a fare, racconta del clero di un tempo lontano e di quello odierno; di papa Bonifacio VIII e di Raitzinger.
Da sempre la Chiesa  ha  avuto un problema con i comici. Eppure la risata non è altro che è un dono di Dio.Ormai viviamo nella società dello spettacolo in cui i comici non sanno che fare. Per questo i comici hanno deciso di portare lo spettacolo nella vita.Quindi non stupiamoci, se un bel giorno sul lago di Garda dovessimo vedere un gommone di clandestini, con Rossi e Dell'Aquila scafisti, cercare di attracccare sulle rive del celebre lago lombardo.Ma i clandistini non saranno altro che manichini dipinti di nero, come quello che sta con loro sul palco.
Cristo era un clandestino. Cristo quante ferite. Cristo perchè.
Ed ecco raccontare la nascita di Cristo, seguita dalla pregiera del comico, le nozze di Cana, la resurrezione di Lazzaro.Proprio in quest'aultima, Rossi è il custode di un cimitero in cui Cristo decide di resuscitare un uomo. Nostro Signore cerca prima tra i vip e poi tra i comuni mortali. Sarebbe intenzionato a farlo cn un certo Aldo Moro, ma il custode gli fa razionalmente notare che tutti ne avrebbero piacere. Cristo arriva a concludere che, in un Paese come questo, non si può nemmeno far risorgere un morto senza creare un problema ai vivi.
E poi si arriva al gran finale. La passione di Cristo. "So i nomi dei copevoli, non sono uno scemo, sono un comico" dice l'affabuatore in tono profetico citando Pasolini. E avverte che Cristo non tornerà mai più in Italia.
La vergine - Vasini, in un'interpretazione magistrale, si dispera sotto la croce perchè le hanno ammazzato il figlio, perchè Gabriele non glielo aveva detto quando era venuto a farle l'annuncio, perchè altrimenti forse le cose sarebbero andate diversamente.
Ritornano le parole del comico che fa un "mea culpa" perchè è colpevole qunto gli altri, per superficialità, egoismo, individualismo.E sulle note di "Personal Jesus", con una croce sollevata su cui è crocifisso il clandestino si chiude il sipario.Uno spettacolo che ti avvinga, che ti lascia quasi senza fiato, che a volte ti confonde, che spesso ti fa sorridere, ma in maniera amara. Uno squarcio su quel cuore pulsante che è l'anima.




Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Comico
Durata: 120'
Paolo Rossi (Autore)
Carolina De La Calle Casanova (Regista)

CAST
Lucia Vasini (Attore)
Paolo Rossi (Attore)
Emanuele Dell’Aquila (Musicista)
News
Prima delle prime: Don Carlo

Sarà sul Don Carlo verdiano, che debutterà al Piermarini il 17 gennaio, con repliche fino al 12 febbraio, l'oggetto della tradizionale conferenza introduttiva all'opera, nell'ambito delle "prima delle prime" degli Amici della Scala. A parlare dell'opera sarà Alberto Bentoglio, Preside della Facoltà Beni culturali all’Università degli studi di Milano, nell'incontro “Amore e potere”, con ascolti e video, l'11 gennaio 2017 al ridotto Toscanini.




Sala Fontana: capodanno con Gran varietà di Cannavacciuolo

Con Gran varietà, in scena alla Sala Fontana dal 28 al 31 dicembre con una replica speciale a capodanno, si rinnova l’appuntamento ormai fisso di ogni anno nella stagione del teatro di Via Boltraffio, con uno show del grande mattatore e fantasista Gennaro Cannavacciuolo, che ci porta sempre nei territori dell’intrattenimento retrò, nel mondo tutto lustrini e pailettes del teatro di varietà, sempre rievocato con rigore flologico.




Vauro e Barbara Alberti sul palco del Menotti

Il teatro come luogo di incontro, di idee e di professionalità artistiche diverse. Coerente con questa impostazione il Teatro Menotti di Emilio Russo, dopo aver messo in scena la cantante Paola Turci, avrà sul palcoscenico un lavoro di due popolari personalità, la scrittrice Barbara Alberti e il vignettista Vauro, con la regia del cantautore e attore David Riondino. Il risultato è lo spettacolo Quante storie che sarà in scena dall'11 al 16 ottobre al Menotti.

 


fai click per chiudere...