Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto
 

Collegati

Quelle tre sorelle...

Regia di - Gabriele Linari
Al teatro Teatro Due di Roma
dal 15.03.2011 al 27.03.2011



Dopo aver mostrato la sua abilità registica con Commedia d'una notte senza luna, ispirato ai racconti di Gogol, Gabriele Linari conclude il suo dittico Insalata Russa con una libera rilettura del classico di Checov Le tre sorelle.



Trama:
Tre sorelle in una gabbia, tre animali in bilico tra follia e disperazione. Il capolavoro di Cechov viene rivisitato in una chiave grottesca e sospesa.Tre sorelle giocano con le proprie speranze per uscire dalla gabbia. Sempre ammesso che esista un “fuori”. Due figure "esterne", sintesi di un passato che torna per frammenti, le ricacciano "dentro", in un'allucinazione sul concetto di "restare"...
...continua


Recensione:

Rispetto al precedente lavoro, questo testo offre indubbiamente una maggiore compattezza narrativa che si esprime, sulla scena, attraverso l’affascinante terna di attrici composta da Roberta Cartocci (Olga), Alessandra Muccioli (Irina) e Marta Nuti (Masa). Al contempo Linari, in questa occasione anche attore, trova ampio spazio per sviluppare e approfondire il fremito che scuote le protagoniste del dramma. Le tre sorelle, ingabbiate in qualcosa di più di un dramma naturalista, diventano il punto di fuga per una riflessione sul rapporto tra ciò che abbiamo “dentro” e ciò che possiamo esporre “fuori”. Ogni qual volta vengono liberate sulla scena dai due infermieri (Gabriele Linari e Arianna Porcelli Safonov), le tre sorelle danno vita ad una affannosa rincorsa dialettica, nella quale il dover narrare a tutti i costi la personale condizione, prima di essere nuovamente costrette al buio della propria prigione, diventa il fulcro di tutta l’azione scenica del dramma.

Linari libera il testo russo dalla sua abituale esposizione per dedicarsi ad uno studio quanto più possibile oggettivo e chirurgico delle tre protagoniste del dramma di Checov. E già dal prologo è possibile cogliere l’inquieta trama che muove gli attori sulla scena. Le tre sorelle, recluse e cristallizzate in una maschera drammatica che non prevede redenzione (Quelle tre sorelle? Non mi fanno pena… dirà uno dei due infermieri sulla scena), diventano il soggetto di uno studio che supera Checov per sposare le inquietudini più prossime allo spettatore. Attraverso una lettura che è apertamente metateatrale, il regista articola su più piani il rapporto tra i personaggi sulla scena, dando voce e sostanza alla forte dicotomia che si viene a creare tra le sorelle, eternamente chiuse (e chiudibili) nella loro scatola/prigione, e i due infermieri presenti sulla scena, i quali studiano e dialogano con le tre donne attraverso una continua dislocazione di spazi scenici. Il luogo di reclusione delle protagoniste, rappresentato da semplici scatole colorate, diventa il non-luogo scenico all’interno del quale tutto è silenzio. Uno spazio in cui estinguere violentemente le proprie ansie e paure, in attesa che qualcuno faccia scattare ancora una volta la serratura.




Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Drammatico
Durata: 90
Anton Cechov (Autore)
Gabriele Linari (Regista)

CAST
News
La collaborAZIONE si fa spettacolo

Dodici registi originari di nove diversi paesi, per cinque regie e due mani: un laboratorio mondiale, il World Wide Lab, che porta a Roma l’esperimento unico di un gruppo multiculturale nato a New York. Non è un caso se Bob Wilson li ha accolti in residenza a Watermill e se il prestigioso Irondale Center di Brooklyn li ha ospitati per ben due anni. I registi del WWL hanno costituito un gruppo di lavoro stabile, che annualmente si riunisce per produrre in due settimane di laboratorio (quest’anno salite a tre) uno spettacolo fatto di cinque momenti diretti a due mani. I testi, adattati o composti per l’occasione dai registi stessi coinvolgendo ben dieci attori, seguono uno stesso filo tematico (Upheaval/Distruzione e rinascita), ma presentano contenuti molto diversi fra loro, che partono dalle rispettive culture. Il risultato è un articolato melting pot, in cui si mescolano Taiwan, India, Canada, Israele, Stati Uniti, Grecia, Germania, Italia… In scena contenuti e stili profondamente diversi, magicamente mescolati per distillare un teatro ricco di contaminazioni, anche linguistiche. Al Teatro Due Roma fino al 12 ottobre.

Info: KIT Italia




Sguardi S-velati sulla felicitÓ

La rassegna del Teatro Due Roma sui punti di vista al femminile giunge alla IV Edizione. E guarda con atteggiamento positivo.




Millelire per un corto

Dal 7 al 12 gennaio un premio per atti unici brevi al Teatro Millelire di Roma



fai click per chiudere...