Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto





 

Collegati

Un flauto magico

Regia di - Peter Brook
Al teatro Piccolo Teatro Strehler di Milano
dal 31.01.2012 al 11.02.2012

Vedi tournée



Trama:
Parola e musica si intrecciano nell'afflato magico e giocoso della regia lirica firmata da un grande nome del teatro contemporaneo, Peter Brook, che porta sulla scena Un flauto magico, ovvero la rilettura ludica, intima e leggera, del  singspiele mozartiano. 
...continua


Recensione:

Canne e piedi nudi. Costumi essenziali. Luci che, oltre ad accompagnare lo stato emotivo, definiscono elementi e cambi di ambientazione. L’opera di Mozart compressa tutta in un pianoforte e cantata e recitata in scena senza fronzoli. La partenza è fredda. La curiosità è solleticata dagli spostamenti delle canne e dai movimenti naturali che accompagnano il canto lirico. La regina cambia il passo dello spettacolo, impone il suo limpido gorgheggio che arriva dritto al petto nella sua perfezione. 

La storia taglia ciò che non riguarda l’amore e il suo bisogno di essere messo alla prova. Quantunque Tamino e Pamina siamo un po’ troppo mielosi e plastici, la regina è potente e Papagheno particolarmente espressivo e coinvolgente. La scena sul letto a rotelle fatto con una cassa per le luci del teatro quella che sintetizza la forza dell’essenzialità e la coinvolgente innocenza degli interpreti. I costumi di Papagheno e Papaghena sembrano quelli di Sette spose per Sette fratelli e, nella sobrietà dell’intero allestimento, appaiono, grazie agli attori, sgargianti. 

Il Flauto Magico di Peter Brook è dunque un concentrato di purezza e speranza. L’asprezza del tedesco si stempera con la dolcezza dei suoni, mentre la musicalità del francese fa dello spettacolo un flusso continuo di vibrazioni che massaggiano le orecchie. Dall’alto della sua riconosciuta unicità, Peter Brook dimostra, con pochi elementi e giovani interpreti, che il mestiere che lo ha reso celebre può fare a meno di tutto, quando a tirare i fili c'è un cuore appassionato capace di imporre il suo ritmo.




Curiosità:

Recensito il 17-11-2011

Cast: Tamino - Adrian Strooper; Pamina - AylinSezer; Regina della notte - Malia Bendi-Merad; Sarastro - Vincent Pavesi; Papageno - Thomas Doilé; Papagena: Anne-Emmanuelle Davy; Monostatos - Romain Pascal

effibriest - 21-11-2011 19:12:05
ho visto lo spettacolo di domenica 20 novembre e posso dire di aver provato un piacere inatteso. La favola e il canto potevano risultare fatalmente soporiferi ma avevo riposto la mia fiducia in quel`articolo "un" del titolo e mi è stato restituito un messaggio pulito nella sua totalità. Le voci, fresche e naturali,il racconto mai didascalico quasi al limite della inintelligibilità,l`allestimento essenziale ma efficace,piccoli momenti di sapiente e garbata ilarità,il pianoforte che respirava in scena, senza frac: il tutto per dire una semplice e grande cosa,come all`improvviso ci si ritrova adulti, con dolcezza e nostalgia. POETICO
VotaVotaVotaVotaVota
Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Musicale

Wolfgang Amadeus Mozart (Tratto da)
Thomas Dolié (Autore)
Vincent Pavesi (Autore)
Franck Krawczyk (Adattamento)
Marie-Hélène Estienne (Adattamento)
Peter Brook (Adattamento)
Peter Brook (Regista)
(Luci)

CAST
News
Prima delle prime: Don Carlo

Sarà sul Don Carlo verdiano, che debutterà al Piermarini il 17 gennaio, con repliche fino al 12 febbraio, l'oggetto della tradizionale conferenza introduttiva all'opera, nell'ambito delle "prima delle prime" degli Amici della Scala. A parlare dell'opera sarà Alberto Bentoglio, Preside della Facoltà Beni culturali all’Università degli studi di Milano, nell'incontro “Amore e potere”, con ascolti e video, l'11 gennaio 2017 al ridotto Toscanini.




Sala Fontana: capodanno con Gran varietà di Cannavacciuolo

Con Gran varietà, in scena alla Sala Fontana dal 28 al 31 dicembre con una replica speciale a capodanno, si rinnova l’appuntamento ormai fisso di ogni anno nella stagione del teatro di Via Boltraffio, con uno show del grande mattatore e fantasista Gennaro Cannavacciuolo, che ci porta sempre nei territori dell’intrattenimento retrò, nel mondo tutto lustrini e pailettes del teatro di varietà, sempre rievocato con rigore flologico.




Vauro e Barbara Alberti sul palco del Menotti

Il teatro come luogo di incontro, di idee e di professionalità artistiche diverse. Coerente con questa impostazione il Teatro Menotti di Emilio Russo, dopo aver messo in scena la cantante Paola Turci, avrà sul palcoscenico un lavoro di due popolari personalità, la scrittrice Barbara Alberti e il vignettista Vauro, con la regia del cantautore e attore David Riondino. Il risultato è lo spettacolo Quante storie che sarà in scena dall'11 al 16 ottobre al Menotti.

 


fai click per chiudere...