Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto

 
Video


VIDEO

Collegati

Drastic Classicism

Regia di - Karole Armitage
Al teatro Elfo Puccini di Milano
dal 06.10.2011 al 07.10.2011



La Armitage riprende dopo 30 anni una sua coreografia storica, giocando sulla contaminazione tra danza classica e contestazioni punk.



Trama:
Libera associazione di balletto con l'energia cruda di un muro di suono punk.
...continua


Recensione:

Drastic-Classicism, seconda creazione della Armitage del 1981, è uno dei lavori dove il suo marchio è più riconoscibile. Una coreografia eseguita sulle musiche originali di David Linton e Rhys Chatham, rivisitate e suonate dal vivo dai Talibam!, gruppo in pieno spirito Armitage, che spazia liberamente da John Zorn a Frank Zappa, dal funky, con qualche spruzzo di disco anni ‘80, senza dimenticare la furia anarchica del punk. Drastic-Classicism al suo debutto a New York 30 anni fa, scioccò il pubblico per la sua audacia nell'abbinare il balletto con musica punk. Eppure, come scrisse allora Arlene Croce, «i valori classici che sono stati scorticati vivi, sono rimasti vivi».

I danzatori esplodono sulla scena, movimenti spasmodici, rapidi, in un clima a metà strada tra le danza anni ’80 alla ‘fame’, e il punk in una contaminazione di cui la Armitage è sicuramente maestra, con la danza e la tecnica classica. I danzatori in scena fingono di suonare strumenti musicali in scena, si dimenano come a un concerto, mantenendo tuttavia sempre un rigore formale e una qualità tecnica altissima.

La Armitage riprende a 30 anni di distanza un suo lavoro storico, riproponendolo con nuovi danzatori estranei al clima degli anni in cui la coreografia venne creata. Questo scarto temporale rimane evidente, Drastic-Classicism ha un gusto vintage e a tratti anacronistico, ma risulta comunque una performance sicuramente gradevole da osservare.




Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Danza
Durata: 25'
Karole Armitage (Regista)
Rhys Chatham (Musica)
Karole Armitage (Coreografo/a)
Karen Young (Costumi)
Peter Speliopoulos (Costumi)

CAST
Abbey Roesner (Danzatore/Danzatrice)
Bennyroyce Royon (Danzatore/Danzatrice)
Emily Wagner (Danzatore/Danzatrice)
Jacob Michael Warren (Danzatore/Danzatrice)
Marlon Taylor-Wiles (Danzatore/Danzatrice)
Masayo Yamaguchi (Danzatore/Danzatrice)
Megumi Eda (Danzatore/Danzatrice)
Mei-Hua Wang (Danzatore/Danzatrice)
Sara Beery (Danzatore/Danzatrice)
Sean Hilton (Danzatore/Danzatrice)
Talibam! (Musicista)
News
ScalAperta: il Piermarini teatro di tutti

Avvicinare sempre di più il Teatro ai cittadini, renderlo sempre meno elitario, accessibile a tutti. È quello che si propone il progetto “ScalAperta” che prevede la vendita a metà prezzo di una o più recite dei principali spettacoli della stagione, con lo stesso direttore e lo stesso cast delle recite vendute a prezzo intero, un'iniziativa che il Sovrintendente Pereira aveva già sperimentato con successo a Zurigo. Si comincia con Lo schiaccianoci del 18 gennaio, in vendita dal 29 dicembre.




Massimo Fini e Pietrangelo Buttafuoco ospiti di Manzoni cultura

Secondo appuntamento del ciclo "Manzoni cultura" il 15 dicembre, ore 21. Protagoniste due figure scomode e anticonformiste: il giornalista, ma anche scrittore e drammaturgo nonché attore, Massimo Fini, polemista, antimodernista, portatore del pensiero relativista, direttore de La voce del Ribelle; il romanziere, saggista e giornalista de Il Foglio Pietrangelo Buttafuoco.

Data emblematica il 15 dicembre, anniversario della nascita (37 dopo Cristo) di Nerone, imperatore passato alla storia come un satrapo crudele tiranno, un persecutore dei cristiani, quello che "alla fine incendiò la città", come cantava Bennato. A Nerone, Fini ha dedicato un libro che confuta duemila anni di calunnie iniziate coi 'gossip' di Svetonio. 

Conducono la serata l’attore regista Edoardo Sylos Labini e il giornalista e autore televisivo Marco Ventura, con la partecipazione del dj Antonio Aprea. 



Gennaro Cannavacciuolo omaggia Modugno alla Sala Fontana

Torna l'istrionico Gennaro Cannavacciuolo alla Sala Fontana, stavolta per omaggiare, nel ventesimo anniversario della sua scomparsa, l'icona della musica leggera italiana, vale a dire Domenico Modugno. Dopo aver rievocato i fasti dell'avanspettacolo con Il mio nome è Milly, si dedica ora alla canzone italiana in uno spettacolo che non poteva che intitolarsi Volare, in scena dall'11 al 14 dicembre. 



fai click per chiudere...