Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto

 
Video


VIDEO

Collegati

Drastic Classicism

Regia di - Karole Armitage
Al teatro Elfo Puccini di Milano
dal 06.10.2011 al 07.10.2011



La Armitage riprende dopo 30 anni una sua coreografia storica, giocando sulla contaminazione tra danza classica e contestazioni punk.



Trama:
Libera associazione di balletto con l'energia cruda di un muro di suono punk.
...continua


Recensione:

Drastic-Classicism, seconda creazione della Armitage del 1981, è uno dei lavori dove il suo marchio è più riconoscibile. Una coreografia eseguita sulle musiche originali di David Linton e Rhys Chatham, rivisitate e suonate dal vivo dai Talibam!, gruppo in pieno spirito Armitage, che spazia liberamente da John Zorn a Frank Zappa, dal funky, con qualche spruzzo di disco anni ‘80, senza dimenticare la furia anarchica del punk. Drastic-Classicism al suo debutto a New York 30 anni fa, scioccò il pubblico per la sua audacia nell'abbinare il balletto con musica punk. Eppure, come scrisse allora Arlene Croce, «i valori classici che sono stati scorticati vivi, sono rimasti vivi».

I danzatori esplodono sulla scena, movimenti spasmodici, rapidi, in un clima a metà strada tra le danza anni ’80 alla ‘fame’, e il punk in una contaminazione di cui la Armitage è sicuramente maestra, con la danza e la tecnica classica. I danzatori in scena fingono di suonare strumenti musicali in scena, si dimenano come a un concerto, mantenendo tuttavia sempre un rigore formale e una qualità tecnica altissima.

La Armitage riprende a 30 anni di distanza un suo lavoro storico, riproponendolo con nuovi danzatori estranei al clima degli anni in cui la coreografia venne creata. Questo scarto temporale rimane evidente, Drastic-Classicism ha un gusto vintage e a tratti anacronistico, ma risulta comunque una performance sicuramente gradevole da osservare.




Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Danza
Durata: 25'
Karole Armitage (Regista)
Rhys Chatham (Musica)
Karole Armitage (Coreografo/a)
Karen Young (Costumi)
Peter Speliopoulos (Costumi)

CAST
Abbey Roesner (Danzatore/Danzatrice)
Bennyroyce Royon (Danzatore/Danzatrice)
Emily Wagner (Danzatore/Danzatrice)
Jacob Michael Warren (Danzatore/Danzatrice)
Marlon Taylor-Wiles (Danzatore/Danzatrice)
Masayo Yamaguchi (Danzatore/Danzatrice)
Megumi Eda (Danzatore/Danzatrice)
Mei-Hua Wang (Danzatore/Danzatrice)
Sara Beery (Danzatore/Danzatrice)
Sean Hilton (Danzatore/Danzatrice)
Talibam! (Musicista)
News
Feltrinelli una storia contro

La figura di Giangiacomo Feltrinelli, l'editore che entrò in clandestinità e che fu trovato morto nel 1972, sarà rievocata sabato 29 novembre al Teatro delle Colonne, nello spettacolo Feltrinelli una storia contro.




I colori dele danze e delle musiche persiane 21 novembre Isolacasateatro

Il 21 novembre alle ore 21 presso Isolacasateatro, via Jacopo dal Verme 16, una serata dedicata alla cultura persiana: uno spettacolo/seminario che avrà come protagonisti la regista e danzatrice Aram Ghasemy e il musicista Pejman Tadayon.

L’intenzione di questo spettacolo è quella di diffondere la cultura iraniana attraverso la danza e la musica.
 
L'esibizione delle varie danze sarà seguita da brevi immagini e video con lo scopo di spiegare le particolarità del brano e della pièce di danza da un punto di vista musicologico, artistico, geografico e culturale.
 
Il corpo si muove con la musica e allo stesso tempo prende ispirazione dal cielo, dalla terra e dall’ambiente circostante. 



Le mille e una notte alla Sala Fontana

Nessuna lampada di Aladino, nessun tappeto magico. Le mille e una notte del Teatro del Carretto di Lucca, in scena alla Sala Fontana, prende dall’antica raccolta di novelle orientale quel suo nucleo narrativo agghiacciante, svaporato da tutta la vulgata fiabesca. Il sultano che uccide sistematicamente tutte le sue nuove mogli, dopo la prima notte di nozze, per vendicarsi di una di queste che lo tradì, per vendicarsi quindi della donna. Un tema antropologico, la violenza di genere, un retaggio fallocratico e patriarcale che si trascina dalla notte dei tempi, duro a morire come dimostrano i tanti, drammatici, casi che sistematicamente campeggiano sui nostri giornali, che configurano un vero e proprio allarme sociale. La violenza sulle donne, il femminicidio, sono i temi dello spettacolo che attinge dalla letteratura come dalla cronaca. Ma dall’antico testo letterario, il Teatro del Carretto, riprende anche quel senso di narrazione a scatole cinesi che si traduce in metateatro.

Al Teatro Sala Fontana dal 20 al 30 novembre.



fai click per chiudere...