Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto

 
Video


VIDEO

Collegati

Drastic Classicism

Regia di - Karole Armitage
Al teatro Elfo Puccini di Milano
dal 06.10.2011 al 07.10.2011



La Armitage riprende dopo 30 anni una sua coreografia storica, giocando sulla contaminazione tra danza classica e contestazioni punk.



Trama:
Libera associazione di balletto con l'energia cruda di un muro di suono punk.
...continua


Recensione:

Drastic-Classicism, seconda creazione della Armitage del 1981, è uno dei lavori dove il suo marchio è più riconoscibile. Una coreografia eseguita sulle musiche originali di David Linton e Rhys Chatham, rivisitate e suonate dal vivo dai Talibam!, gruppo in pieno spirito Armitage, che spazia liberamente da John Zorn a Frank Zappa, dal funky, con qualche spruzzo di disco anni ‘80, senza dimenticare la furia anarchica del punk. Drastic-Classicism al suo debutto a New York 30 anni fa, scioccò il pubblico per la sua audacia nell'abbinare il balletto con musica punk. Eppure, come scrisse allora Arlene Croce, «i valori classici che sono stati scorticati vivi, sono rimasti vivi».

I danzatori esplodono sulla scena, movimenti spasmodici, rapidi, in un clima a metà strada tra le danza anni ’80 alla ‘fame’, e il punk in una contaminazione di cui la Armitage è sicuramente maestra, con la danza e la tecnica classica. I danzatori in scena fingono di suonare strumenti musicali in scena, si dimenano come a un concerto, mantenendo tuttavia sempre un rigore formale e una qualità tecnica altissima.

La Armitage riprende a 30 anni di distanza un suo lavoro storico, riproponendolo con nuovi danzatori estranei al clima degli anni in cui la coreografia venne creata. Questo scarto temporale rimane evidente, Drastic-Classicism ha un gusto vintage e a tratti anacronistico, ma risulta comunque una performance sicuramente gradevole da osservare.




Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Danza
Durata: 25'
Karole Armitage (Regista)
Rhys Chatham (Musiche)
Karole Armitage (Coreografo/a)
Karen Young (Costumi)
Peter Speliopoulos (Costumi)

CAST
Abbey Roesner (Danzatore/Danzatrice)
Bennyroyce Royon (Danzatore/Danzatrice)
Emily Wagner (Danzatore/Danzatrice)
Jacob Michael Warren (Danzatore/Danzatrice)
Marlon Taylor-Wiles (Danzatore/Danzatrice)
Masayo Yamaguchi (Danzatore/Danzatrice)
Megumi Eda (Danzatore/Danzatrice)
Mei-Hua Wang (Danzatore/Danzatrice)
Sara Beery (Danzatore/Danzatrice)
Sean Hilton (Danzatore/Danzatrice)
Talibam! (Musicista)
News
La Scala in tournée al Bol’soj a settembre

Annunciata a Mosca la prossima tournée del Teatro alla Scala al Teatro Bol’soj. La tournée, dal 10 al 15 settembre prossimi, prevede tre recite del Simon Boccanegra di Verdi con il Coro e l’Orchestra della Scala diretti da Myung-Whun Chung - con Leo Nucci, Carmen Giannattasio,  Fabio Sartori e Mikhail Petrenko nei ruoli principali - nell’allestimento che sarà prima in scena alla Scala, dal 18 giugno all’8 luglio, con le scene di Pier Paolo Bisleri e i costumi di Giovanna Buzzi, per la regia di Federico Tiezzi.  L’11 e il 14 settembre il Coro e l’Orchestra della Scala, diretti da Riccardo Chailly, eseguiranno la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, solisti Maria José Siri, Daniela Barcellona, Francesco Meli e Dmitri Beloselskiy. Il 15 settembre sarà protagonista con Riccardo Chailly la Filarmonica della Scala, in un Concerto italiano con musiche di Cherubini, Rossini e Verdi.

Il Teatro Bol’soj e il Teatro alla Scala hanno un rapporto consolidato di scambi culturali, unico nel suo genere per rilevanza, dimensione e regolarità, che è ormai una tradizione: dal 1964 si sono svolte 8 tournée della Scala a Mosca (83 aperture di sipario, 60 d’opera, 12 di balletto e 11 concerti) e 7 tournée del Bol’soj a Milano. 




Franco Parenti: ultimo appuntamento con Electropark Exchanges

Mercoledì 1 giugno al Teatro Franco Parenti, ultimo appuntamento con Electropark Exchanges: Musica elettronica per un pubblico seduto, che vede artisti internazionali che suonano sul palco strumenti e macchine, contaminando lo spazio con ibridazioni tra elettronica e jazz, post-rock e classica. Nell'ultima serata saranno di scena il norvegese Bugge Wesseltoft, compositore sperimentale e pioniere del nu-jazz da anni, e Christian Prommer, musicista tedesco, dj e percussionista le cui produzioni uniscono l’uso di campionatori e drum machine a un approccio jazz. Due musicisti in risonanza su un territorio sgombro da codici attraverso il libero ma competente improvvisare su strumenti analogici e digitali.




Brecht e il Piccolo Teatro, è una questione di diritti

Lunedì 30 maggio, ore 17, al Chiostro Nina Vinchi (via Rovello 2), si terrà l'incontro "Brecht e il Piccolo Teatro, è una questione di diritti". Intervengono Alberto Benedetto, Sergio Escobar, Stefano Massini, Alberto Bentoglio. L'appuntamento fa parte del ciclo "Brecht 1956-2016: Sessant’anni di Teatro al Piccolo" organizzato dal Piccolo Teatro di Milano in collaborazione con Goethe-Institut Mailand e Università degli Studi di Milano. L'ingresso è gratuito con prenotazione a comunicazione@piccoloteatromilano.it



fai click per chiudere...