Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto









 
Video


VIDEO

Collegati

La commedia di Orlando

Al teatro Manzoni di Milano
dal 06.03.2012 al 25.03.2012



Orlando, dal romanzo di Virginia Woolf allo spettacolo di Emanuela Giordano



Trama:
Da giovane aristocratico nella Londra del 1600, Orlando attraversa 4 secoli di storia: si innamora, viene tradito, scrive poesia ma vuole bruciare i suoi versi, diventa ambasciatore a Costantinopoli, si trasforma in donna e abita tra gli zingari, … Infine  torna nella sua casa Natale, per sposarsi e pubblicare finalmente la sua opera, La quercia.
...continua


Recensione:

La Commedia di Orlando è una variazione assai gustosa sul tema dell'identità sessuale e del gioco delle parti. Tratto dall'omonimo racconto di Virginia Woolf, lo spettacolo Commedia di Orlando riproduce con accuratezza formale la struttura e, ampiamente, il senso del testo dell'autrice inglese, pur riducendo la portata critica che l'opera originale dovette produrre nel contesto storico in cui venne inserita. La regia di Emanuela Giordano infatti, seppur perfetta nel bilanciare la forza della protagonista, Isabella Ragonese, con il serratissimo ritmo scenico creato dal bel cast, rischia nel complesso di annacquare l'intimo messaggio finale della Woolf.


Nel complesso intreccio scenico infatti non mancano debolezze che, in certi momenti, rischiano di appesantire la piece, allontanando lo spettatore dai risvolti sociali e intrinseci che l'ambiguo/a Orlando è capace di scatenare. Si crea così il paradosso scenico per cui la verve comica del cast rischia a volte di appiattire alcuni spunti drammatici molto interessanti, rendendo di fatto innocue le taglienti parole della Woolf.  


Va altresì aggiunto che l'equilibrio formale del lavoro di Emanuela Giordano rimane intatto. Se non bastasse il cast perfetto o la colonna sonora originale, a cura della Bubbez Orchestra, peraltro parzialmente suonata dal vivo, vi è un altro aspetto che merita una speciale menzione, la scenografia. Il palcoscenico, privato finalmente di inutili orpelli e articolati sensazionalismi scenici, gode di un'attenzione registica accurata ed evocativa. La scena diventa un contenitore di ombre che via via scorrono sul palco, lo animano e poi svaniscono, riassorbite nel vento e nel tempo. Eliminato qualsiasi dogma aristotelico, i secoli, le città e le storie scorrono sulla scena come pollini di primavera. Orlando soltanto, e con lui/lei la sua corte, rimane sulla scena: anima romanzesca in bilico tra Fortuna e Storia.

 



Recensione:

Portare a teatro Orlando di Virginia Woolf è senza dubbio una sfida. La compagnia Enfi Teatro riesce a farlo con l’energia e l’entusiasmo propri dei suoi giovani attori, regalando al pubblico una nuova, divertente  versione di un grande classico della letteratura.   

Non si può negare, però, che il  testo della Woolf, così lungo, ironico e stratificato non si presti pienamente alla messa in scena teatrale, incapace di restituirne fino in fondo la complessità. A partire proprio dalla trama, che funziona nel momento in cui rimane legata all’opera woolfiana, ma lascia qualche dubbio di troppo quando se ne allontana: i personaggi che accompagnano Orlando nel suo viaggio attraverso i secoli non convincono del tutto così come non convince la scelta, forse un po’ estrema, di trasformare Orlando in una figura materna. Allo stesso modo, se da un lato il comunicato stampa presenta Virginia Woolf come “figlia diretta di Shakespeare”, lo spettacolo dall’altro elimina tanti dei riferimenti al drammaturgo britannico, che pure nel testo originale rivestono invece un’importanza non minore.

Lo spettacolo, comunque, è senza dubbio piacevole. In primo luogo perché Isabella Ragonese si sente perfettamente a suo agio nei panni di Orlando (come uomo e come donna) e lascia trapelare la stessa bravura e lo stesso entusiasmo che la caratterizzano da sempre sul grande schermo. Poi perché la scenografia è perfettamente costruita, permettendo agli attori di muoversi tra più livelli e autorizzando rapidi ed efficaci cambi di scena a vista. Da ultimo perché la musica, eseguita dal vivo dalla Bubbez Orchestra, costituisce un motivo sonoro che accompagna tutto lo spettacolo e lo costruisce, conferendogli linearità e ritmo. Una nota di merito va infine a Fabrizio Odetto, deliziosa macchietta comica e motivo di molte risate, affinché Orlando possa diventare La commedia di Orlando



Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Commedia
Durata: 120'
Virginia Woolf (Autore)
Emanuela Giordano (Adattamento)
Emanuela Giordano (Regista)
Bubbez Orchestra (Musica)
Giovanni Licheri (Scenografia)
Alida Cappellini (Costumi)

CAST
Isabella Ragonese (Attore (primo nome))
Andrea Gambuzza (Attore)
Claudia Gusmano (Attore)
Fabrizio Odetto (Attore)
Guglielmo Favilla (Attore)
Laura Rovetti (Attore)
Sarah Biacchi (Attore)
News
ScalAperta: il Piermarini teatro di tutti

Avvicinare sempre di più il Teatro ai cittadini, renderlo sempre meno elitario, accessibile a tutti. È quello che si propone il progetto “ScalAperta” che prevede la vendita a metà prezzo di una o più recite dei principali spettacoli della stagione, con lo stesso direttore e lo stesso cast delle recite vendute a prezzo intero, un'iniziativa che il Sovrintendente Pereira aveva già sperimentato con successo a Zurigo. Si comincia con Lo schiaccianoci del 18 gennaio, in vendita dal 29 dicembre.




Massimo Fini e Pietrangelo Buttafuoco ospiti di Manzoni cultura

Secondo appuntamento del ciclo "Manzoni cultura" il 15 dicembre, ore 21. Protagoniste due figure scomode e anticonformiste: il giornalista, ma anche scrittore e drammaturgo nonché attore, Massimo Fini, polemista, antimodernista, portatore del pensiero relativista, direttore de La voce del Ribelle; il romanziere, saggista e giornalista de Il Foglio Pietrangelo Buttafuoco.

Data emblematica il 15 dicembre, anniversario della nascita (37 dopo Cristo) di Nerone, imperatore passato alla storia come un satrapo crudele tiranno, un persecutore dei cristiani, quello che "alla fine incendiò la città", come cantava Bennato. A Nerone, Fini ha dedicato un libro che confuta duemila anni di calunnie iniziate coi 'gossip' di Svetonio. 

Conducono la serata l’attore regista Edoardo Sylos Labini e il giornalista e autore televisivo Marco Ventura, con la partecipazione del dj Antonio Aprea. 



Gennaro Cannavacciuolo omaggia Modugno alla Sala Fontana

Torna l'istrionico Gennaro Cannavacciuolo alla Sala Fontana, stavolta per omaggiare, nel ventesimo anniversario della sua scomparsa, l'icona della musica leggera italiana, vale a dire Domenico Modugno. Dopo aver rievocato i fasti dell'avanspettacolo con Il mio nome è Milly, si dedica ora alla canzone italiana in uno spettacolo che non poteva che intitolarsi Volare, in scena dall'11 al 14 dicembre. 



fai click per chiudere...