Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto
 

Collegati

Il Cardinal Mia Cara

Regia di - Paolo Orlandelli
Al teatro Teatro di Documenti di Roma
dal 11.04.2012 al 15.04.2012



Amica mia, fallo, ma non gridarlo ai quattro venti!



Trama:
"Il Cardinal mia cara" è un dialogo irriverente e sofisticato tra un Cardinale immorale e un professore credente ma dubbioso circa le posizioni della chiesa cattolica sulla questione omosessuale, intrecciato al rapporto d'amore tra un uomo e un ragazzo che finisce in tragedia. Il rapporto tra l'uomo e il ragazzo è paradigmatico delle relazioni che diffusamente intercorrono all’interno delle mura leonine, ma prende le mosse da una vicenda particolare, sfociata nel fatto di sangue avvenuto il 4 maggio del 1998, quando il neo-comandante delle guardie svizzere, sua moglie, e un giovane vice-caporale, furono trovati uccisi con colpi d’arma da fuoco nell’appartamento del comandante.
...continua


Recensione:

La Roma bene dei salotti attigui a certi ambienti viene sagacemente descritta in apertura di pièce. Il Cardinal Mia Cara passa in rassegna gli invitati spiazzando il Professore che lo accompagna e che fatica a sintonizzarsi sui suoi toni insolenti e maleducati. Il Cardinale veste i panni dell’educatore immorale e dialoga con lo spettatore mentre si confronta con il professore, zelante accolito, figura piena di umani dubbi nel cercare di conciliare la sua omosessualità con la fede cristiana e la condanna della Chiesa della pratica di Sodomia.

Il Cardinale chiarisce con un linguaggio schietto e deciso che per la Chiesa il problema non è l’omosessualità ma lo scandalo. Distingue tra l’omosessualità, che non è condannata dalla Chiesa, e la sodomia, che è l’esercizio dell’omosessualità, e che invece viene punita perché comporta la dispersione del seme. La Chiesa non punisce chi non esercita l’omosessualità e il fatto che la carne sia debole è un discorso da affrontare su tutt’altro piano. Per risolvere la questione e dissolvere i suoi dubbi, il Cardinal Mia Cara, con sfacciato cinismo, suggerisce piuttosto al professore di farsi furbo e conciliante, invece di chiedersi se un omosessuale e un eterosessuale abbiano o meno la stessa anima.

Intanto i retroscena di un potere misterioso vengono svelati attraverso la relazione tra il Ragazzo e l’Uomo: la ragion di stato si scontra con l’emotività giovanile che ricerca l’amore laddove l’Uomo preferisce aspettare per ottenere i riconoscimenti e il potere che desidera. Ma la ragion politica non si può conciliare con la ragione del cuore e il Cardinale resta schierato dalla parte del potere.

Il potere è talmente importante che non si può mischiare con altro. Amore e potere non si uniscono, casomai camminano paralleli.

La disquisizione filosofica approfondisce il rapporto tra omosessualità e potere e scopre le carte sulla posizione della Chiesa nei confronti degli omosessuali che essendo “troppo liberi e senza regole” non sono abbastanza disponibili o produttivi per servirla.

E’ l’opportunismo con tutte le sue maschere e retroscena che viene raccontato in questo testo caustico e sincero. La messa in scena però indebolisce con un’azione lenta e spezzettata l’incisività della parola. I continui cambi scena, appesantiti da lunghe pause al buio, hanno un effetto spiazzante sullo spettatore che fatica a riprendere il filo del discorso. Ma almeno restituiscono un senso di spiazzamento e di scalpore sottopelle, che l’autore sembra voler trasmettere oltre la sfacciata e insolente dialettica.

Apprezzabile l’attenzione a un tema sempre attuale e a certi scandali avvenuti e presto soffocati dietro dichiarazioni ufficiali, che qui invece vengono smaccatamente sviscerati.

Ognuno ha le reliquie che si merita




Curiosità:

A fine rappresentazione è prevista una visita guidata gratuita dello spazio scenico del Teatro di Documenti, ideato da Luciano Damiani.

Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: NON SPECIFICATO
Durata: 50
Fabio Croce (Autore)
Paolo Orlandelli (Regista)
Giorgia Rauccio (Scenografia)

CAST
News
Giornate della Memoria: a teatro per non dimenticare

Fra le tante iniziative romane dedicate alla Memoria, segnaliamo gli eventi di eccezionale unicità.




In scena contro le mafie: intervista a Rosario Mastrota

L'autore e regista cosentino si forma presso i Corsi di Formazione Teatrali di Scena Verticale, collaborando fra l'altro all'organizzazione del festival teatrale Primavera dei Teatri fino all'edizione del 2009 che vale il Premio Ubu. Si perfeziona con Gigi Gherzi, Motus, Yves Lebreton, Massimiliano Civica, Emma Dante, Alfonso Santagata, Riccardo Caporossi, Enzo Moscato, Pippo Delbono e oggi il suo teatro civile si focalizza sul fenomeno della criminalità organizzata e sulla smitizzazione dei suoi eroi negativi. Dal 20 gennaio in scena al Tordinona Ficcasoldi, su ludopatia e business delle sale da gioco, uno dei loro vari spettacoli "etici", tutti pluripremiati.




Al Tordinona contro la ‘ndrangheta

La Compagnia Ragli in scena con Ficcasoldi di Rosario Mastrota, dal 20 al 25 gennaio



fai click per chiudere...