Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto





 
Video


VIDEO

Collegati

Karamazov

Regia di - César Brie
Al teatro Elfo Puccini di Milano
dal 10.04.2012 al 22.04.2012



«Chi non desidera la morte del proprio padre?»



Trama:
I fratelli Karamazov è l’ultimo romanzo di Dostoevskij. Morì solo qualche mese dopo averlo ultimato. È la summa dei temi cha hanno assillato lo scrittore per tutta la sua vita: la fede, la passione, il vizio, l’amore, la giustizia.
...continua


Recensione:

Lavorare con il testo e non per il testo. Fedele a questa concezione teatrale, al suo retaggio con l’Odin Teatret e alla sua concezione di teatro povero grotowskiano, César Brie incontra uno dei capolavori della letteratura mondiale, I fratelli Karamàzov di Fëdor Dostoevskij.

Molto diverso e complesso il lavoro sul testo da quello che era necessario per i poemi omerici che rappresentano due capisaldi del lavoro di Brie. Se questi sono testi scritti trenta secoli fa, rappresentando un ventre molle che si può riempire e adattare, con Dostoevskij siamo di fronte a un’opera di grande complessità filosofica e psicologica. Coraggiosamente il regista argentino evita un approccio di tipo filologico, compie un complesso lavoro di traduzione, di distillazione, che si può anche permettere di omettere Il Grande Inquisitore. E, come con Iliade e Odissea, mette in risonanza l’opera letteraria con i nostri tempi.

Una scena spoglia con delle panche, dove gli attori rimangono seduti anche quando dovrebbero essere fuori scena, rimanendo così sempre sul palcoscenico. Un uso di oggetti scenici proteiformi, come delle grandi corde che possono essere impugnate come redini, in un turbinio di trovate sceniche. E sul fondo degli abiti appesi che, una volta staccati lasceranno una fila di appendiabiti spogli, come una fila di croci. È una progressione verso la morte come il telone bianco che si imbrattava di sangue nell’Iliade, un teatro della morte richiamato anche da pupazzi kantoriani. E la parte del processo è risolta come nel pasoliniano Che cosa sono le nuvole?: gli attori sono come marionette appese a un filo, impotenti pupazzi manovrati dall’alto.

Ottimo lavoro per Brie e per i giovani attori neodiplomati in scuole di teatro.




Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Teatro di ricerca
Durata: 120'
Fëdor Dostoevskij (Tratto da)
César Brie (Adattamento)
César Brie (Regista)
Mia Fabbri (Aiuto regista)
Pablo Brie (Musica)
Giancarlo Gentilucci (Scenografia)
Mia Fabbri (Costumi)
Paolo Pollo Rodighiero (Luci)

CAST
News
ScalAperta: il Piermarini teatro di tutti

Avvicinare sempre di più il Teatro ai cittadini, renderlo sempre meno elitario, accessibile a tutti. È quello che si propone il progetto “ScalAperta” che prevede la vendita a metà prezzo di una o più recite dei principali spettacoli della stagione, con lo stesso direttore e lo stesso cast delle recite vendute a prezzo intero, un'iniziativa che il Sovrintendente Pereira aveva già sperimentato con successo a Zurigo. Si comincia con Lo schiaccianoci del 18 gennaio, in vendita dal 29 dicembre.




Massimo Fini e Pietrangelo Buttafuoco ospiti di Manzoni cultura

Secondo appuntamento del ciclo "Manzoni cultura" il 15 dicembre, ore 21. Protagoniste due figure scomode e anticonformiste: il giornalista, ma anche scrittore e drammaturgo nonché attore, Massimo Fini, polemista, antimodernista, portatore del pensiero relativista, direttore de La voce del Ribelle; il romanziere, saggista e giornalista de Il Foglio Pietrangelo Buttafuoco.

Data emblematica il 15 dicembre, anniversario della nascita (37 dopo Cristo) di Nerone, imperatore passato alla storia come un satrapo crudele tiranno, un persecutore dei cristiani, quello che "alla fine incendiò la città", come cantava Bennato. A Nerone, Fini ha dedicato un libro che confuta duemila anni di calunnie iniziate coi 'gossip' di Svetonio. 

Conducono la serata l’attore regista Edoardo Sylos Labini e il giornalista e autore televisivo Marco Ventura, con la partecipazione del dj Antonio Aprea. 



Gennaro Cannavacciuolo omaggia Modugno alla Sala Fontana

Torna l'istrionico Gennaro Cannavacciuolo alla Sala Fontana, stavolta per omaggiare, nel ventesimo anniversario della sua scomparsa, l'icona della musica leggera italiana, vale a dire Domenico Modugno. Dopo aver rievocato i fasti dell'avanspettacolo con Il mio nome è Milly, si dedica ora alla canzone italiana in uno spettacolo che non poteva che intitolarsi Volare, in scena dall'11 al 14 dicembre. 



fai click per chiudere...