Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto





 
Video


VIDEO

Collegati

Karamazov

Regia di - César Brie
Al teatro Elfo Puccini di Milano
dal 10.04.2012 al 22.04.2012



«Chi non desidera la morte del proprio padre?»



Trama:
I fratelli Karamazov è l’ultimo romanzo di Dostoevskij. Morì solo qualche mese dopo averlo ultimato. È la summa dei temi cha hanno assillato lo scrittore per tutta la sua vita: la fede, la passione, il vizio, l’amore, la giustizia.
...continua


Recensione:

Lavorare con il testo e non per il testo. Fedele a questa concezione teatrale, al suo retaggio con l’Odin Teatret e alla sua concezione di teatro povero grotowskiano, César Brie incontra uno dei capolavori della letteratura mondiale, I fratelli Karamàzov di Fëdor Dostoevskij.

Molto diverso e complesso il lavoro sul testo da quello che era necessario per i poemi omerici che rappresentano due capisaldi del lavoro di Brie. Se questi sono testi scritti trenta secoli fa, rappresentando un ventre molle che si può riempire e adattare, con Dostoevskij siamo di fronte a un’opera di grande complessità filosofica e psicologica. Coraggiosamente il regista argentino evita un approccio di tipo filologico, compie un complesso lavoro di traduzione, di distillazione, che si può anche permettere di omettere Il Grande Inquisitore. E, come con Iliade e Odissea, mette in risonanza l’opera letteraria con i nostri tempi.

Una scena spoglia con delle panche, dove gli attori rimangono seduti anche quando dovrebbero essere fuori scena, rimanendo così sempre sul palcoscenico. Un uso di oggetti scenici proteiformi, come delle grandi corde che possono essere impugnate come redini, in un turbinio di trovate sceniche. E sul fondo degli abiti appesi che, una volta staccati lasceranno una fila di appendiabiti spogli, come una fila di croci. È una progressione verso la morte come il telone bianco che si imbrattava di sangue nell’Iliade, un teatro della morte richiamato anche da pupazzi kantoriani. E la parte del processo è risolta come nel pasoliniano Che cosa sono le nuvole?: gli attori sono come marionette appese a un filo, impotenti pupazzi manovrati dall’alto.

Ottimo lavoro per Brie e per i giovani attori neodiplomati in scuole di teatro.




Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: Teatro di ricerca
Durata: 120'
Fëdor Dostoevskij (Tratto da)
César Brie (Adattamento)
César Brie (Regista)
Mia Fabbri (Aiuto regista)
Pablo Brie (Musica)
Giancarlo Gentilucci (Scenografia)
Mia Fabbri (Costumi)
Paolo Pollo Rodighiero (Luci)

CAST
News
Prima delle prime: Turandot

Per la decima prima delle prime della stagione, martedì 21 aprile i relatori invitati dagli Amici della Scala saranno Michele Girardi, docente di drammaturgia musicale dell’Università di Pavia, specialista di Puccini del teatro musicale europeo fin de siècle, e il M° Riccardo Chailly. Si parlerà della Turandot in scena al teatro del Piermarini dall'1 al 23 maggio.




Siamo tutti Signor G speciale 25 aprile al Teatro alle Colonne

La libertà è partecipazione. Così cantava Giorgio Gaber e così canta il pubblico, alla fine di Siamo tutti Signor G, sollecitato dal giornalista musicale Fabio Santini, autore dello spettacolo. E la scena si ripeterà, non a caso, il prossimo 25 aprile, in occasione della riproposizione di una versione rinnovata dello spettacolo, al Teatro alle Colonne.

Il palcoscenico, il maxischermo e una seggiola: è la semplice scenografia di Siamo tutti Signor G, che vedrà esecuzioni di brani, filmati, interviste, dove verranno fatte rivivere le canzoni di Gaber, il suo pensiero, l'anima di un grande del teatro.



Riccardo Chailly apre una prova di Turandot alle Universitŕ
Sarà aperta agli studenti di tutte le Università milanesi la prova di venerdì 24 aprile della Turandot con la direzione di Riccardo Chailly e la regia di Nikolaus Lehnhoff. Il 1° maggio Turandot inaugurerà il cartellone della Scala per Expo. 

La prova avrà inizio alle ore 19, ma dalle 18 Riccardo Chailly racconterà agli studenti l’opera di Puccini e risponderà a eventuali domande. In particolare sarà approfondita la presentazione del Finale realizzato da Luciano Berio nel 2002 studiando gli schizzi lasciati dal compositore e utilizzandone 23 su 30 (nel “finale Berio” 133 battute su 307 sono di Puccini). 

L’incontro, organizzato dal Servizio Promozione Culturale, è già tutto esaurito. Sono stati invitati studenti di tutte le Università milanesi: Statale, Bocconi, Cattolica, Politecnico, Bicocca, IULM e San Raffaele, oltre ad allievi dell’Accademia della Scala, della Civica Scuola di Musica, del Conservatorio. Saranno presenti anche alcuni studenti del Conservatorio di Como che hanno seguito un corso su Turandot


fai click per chiudere...