Nazionale  |  Roma  |  Milano  |  Marche  |  Toscana  |  Campania  |  Piemonte  |


Locandina

Foto

 

Collegati

Fedra

Regia di - Walter Pagliaro
Al teatro Ghione di Roma
dal 03.04.2007 al 15.04.2007





Trama:
Il disperato, eroico dibattersi della donna tra la ferocia della passione e l’orrore di fronte all’ingiusta condanna esprime, accanto al senso della predeterminazione, tutto il pessimismo giansenista.
...continua


Recensione:
Tutto sbagliato in questo ennesimo ritratto della protagonista raciniana: dalla caricatura di un’interpretazione logora e logorante all’artificiosità di una messa in scena piatta quanto basta da far sorgere spontanea la domanda: “dov’è finito l’estro registico?”, dalla scenografia degna di un illusionista di poche pretese alle cinture borchiate da supereroe vecchia maniera e reggicalze in bella mostra del guardaroba scenico. La Fedra di Walter Pagliaro si dimena nel suo senso di colpa sorretta dai fumi corroboranti di una bottiglia, causa di un vaneggiamento altrimenti ingiustificato, a detta del regista. Come se non bastasse la pena e il tormento di non riuscire a controllare l’impeto di un amore oltraggioso. La Fedra di Jean Racine è lo specchio di una donna in balia dei propri sentimenti, che paga con la vita la ricerca di un’innocenza negata. Ben saldo ai dettami della dottrina giansenista, Racine è riuscito a tracciare i lineamenti di una figura compassionevole, vittima del suo stesso destino, punita dagli dèi attraverso “una passione illegittima di cui lei per prima ha orrore”. Da qui quella agitation d’esprit che il drammaturgo francese ha sapientemente inserito nell’attenta prefazione del 1677. A nulla vale l’incanto del testo riadattato nella traduzione di Giuseppe Ungaretti e il promettente tentativo di prolungare lo spazio scenico fino a comprendere tutta la sala, platea inclusa. La storia della figlia di Minosse e Pasifae scorre innocua, supportata dal richiamo esplicito alla tragedia greca delle maschere disegnate sui volti degli attori e dall’opportuna riserva di suppellettili di scena dal forte impatto visivo. L’armonia degli incastri temporali tra antico e moderno deve fare i conti, però, con una ricostruzione teatrale pasticciata ed indisponente dove anche la sobrietà di alcune interpretazioni ne risulta sbiadita.


Curiosità:
Una Fedra smaniosa di protagonismo, con reggicalze in bella mostra e scarponi in pelle, è la vittima designata di un destino avverso.
Username:
Password:
 - 
COMPAGNIA
DATI SPETTACOLO
Genere: NON SPECIFICATO
Durata: 110
Jean Racine (Autore)
Walter Pagliaro (Regista)
Paolo Terni (Compositore)
Luigi Perego (Costumi)

CAST
Attilio Fabiano (Attore)
Diego Florio (Attore)
Micaela Esdra (Attore)
News
Giornate della Memoria: a teatro per non dimenticare

Fra le tante iniziative romane dedicate alla Memoria, segnaliamo gli eventi di eccezionale unicità.




In scena contro le mafie: intervista a Rosario Mastrota

L'autore e regista cosentino si forma presso i Corsi di Formazione Teatrali di Scena Verticale, collaborando fra l'altro all'organizzazione del festival teatrale Primavera dei Teatri fino all'edizione del 2009 che vale il Premio Ubu. Si perfeziona con Gigi Gherzi, Motus, Yves Lebreton, Massimiliano Civica, Emma Dante, Alfonso Santagata, Riccardo Caporossi, Enzo Moscato, Pippo Delbono e oggi il suo teatro civile si focalizza sul fenomeno della criminalità organizzata e sulla smitizzazione dei suoi eroi negativi. Dal 20 gennaio in scena al Tordinona Ficcasoldi, su ludopatia e business delle sale da gioco, uno dei loro vari spettacoli "etici", tutti pluripremiati.




Al Tordinona contro la ‘ndrangheta

La Compagnia Ragli in scena con Ficcasoldi di Rosario Mastrota, dal 20 al 25 gennaio



fai click per chiudere...