immagine home.jpg
Con Tangram Teatro per il piacere di tornare in sala
a cura di Roberto Canavesi
Un ricco cartellone fino a dicembre nell’attesa di una grande sorpresa di febbraio
A Torino, al Tangram Teatro, da settembre a dicembre 2021
In un periodo in cui i teatri riaprono e le stagioni con grande fatica ripartono, pur con orizzonti temporali proiettati a medio raggio, anche dal torinese Tangram Teatro arrivano importanti segnali dopo la felice esperienza estiva dell’ormai consolidato Festival Teatro & Letteratura: attivi nell’accogliente sala di via don Orione a Torino, Bruno Maria Ferraro e Ivana Ferri riaprono i battenti della loro casa teatrale con un cartellone che nei prossimi mesi sembra aver scelto il termine "cura" come parola d’ordine per riannodare i fili di un percorso interrotto, per ragionare sul presente e guardare con consapevolezza al futuro: una prima parte di stagione a dir vero itinerante con serate in differenti location cittadine a voler rafforzare il consolidato rapporto tra Tangram e territorio come testimoniato dall’appuntamento di venerdì 24 settembre che, nella sala Auditorium dell’Università di Torino, vedrà Laura Curino protagonista di MARGHERITA HACK. Una stella infinita, spettacolo ideato e diretto da Ivana Ferri: presentata all’interno della Notte Europea dei Ricercatori 2021 organizzata dal Politecnico in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino, la serata fa parte dell'annuale evento che si svolge contemporaneamente in tutta Europa per promuovere l’incontro e il dialogo tra il mondo della ricerca scientifica e la società, per avvicinare i cittadini alla scienza.

E proprio a proposito di collaborazioni, da alcuni anni Tangram Teatro realizza eventi e spettacoli con Agroinnova, Centro di Competenza in campo agro-ambientale dell’Università di Torino diretto dalla prof.ssa Lodovica Gullino: sodalizio rafforzatosi nel tempo che domenica 10 ottobre 2021 scriverà, nella suggestiva cornice della Palazzina di Caccia di Stupinigi all'interno della mostra mercato vivaistica Floreal, una nuova pagina con la serata Tulipani con la febbre, spettacolo nato da una serie di podcast sul libro Spore della stessa Gullino (Daniela Piazza Editore) per un incontro-spettacolo dove si racconta di malattie delle piante che hanno sconvolto e modificato la vita, l’economia, la salute di intere popolazioni.

Il ritorno a casa si materializzerà per Tangram Teatro venerdì 22 ottobre con il ciclo di repliche de In viaggio con Dante, progetto sulla Divina Commedia realizzato da Bruno Maria Ferraro ed Ivana Ferri con il patrocinio del Comitato nazionale Dante 2021 nell’ambito delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri: fino a domenica 7 novembre sarà infatti possibile tornare all’essenza della Commedia, alla parola che si fa musica, al verso ed alla suggestione in uno spettacolo pensato nella forma di melologo, concertato per voce sola, sulle musiche del Premio Ubu Gianluca Misiti e nelle immagini di Gianni De Matteis. Ed ancora, giovedì 11 novembre, sarà la volta de L’Angelo di Coppi, spettacolo programmato in collaborazione con il CUS Torino che porta in scena tre straordinarie storie di epica sportiva, a metà strada tra realtà e fantasia, liberamente tratte dal libro di Ugo Riccarelli pubblicato da Mondadori: arricchiti dalle musiche eseguite dal vivo da Silvia Carbotti e Max Carletti, con tanto di suggestive immagini d’epoca, protagonisti saranno personaggi legati, in modi differenti, al mondo dello sport, da Coppi che cerca di scoprire se il ragazzino che lo ha superato in sella a un vecchio catorcio esista davvero o sia solo un sogno, alla tenerezza e l’allegria suscitate dalla figura di Garrincha, asso del pallone con le gambe storte, per arrivare all’orgoglio ferito e alla dignità dei giocatori della Dinamo Kiev, colpevoli di aver sconfitto la squadra messa in campo dai nazisti.

Negli ultimi anni Tangram Teatro ha con forza legato il suo nome alla rassegna MaldiPalco, vetrina nazionale per giovani artisti under 32 che quest’anno propone una mini rassegna dove verranno presentate due novità assolute: domenica 14 novembre Celeste Gugliandolo, attrice e cantante anima dei Moderni, proporrà Palavaras e Mùsica, un lavoro di teatro canzone sul Fado portoghese dove la musica è da intendere come sottile e invisibile "cavo di acciaio" che lega e collega popoli distanti ma dalla medesima radice culturale. A seguire, giovedì 18 e venerdì 19 novembre, Fabrizio Coniglio in Tutti a casa mia si immerge nelle spaccature create dai vari momenti di isolamento sociale degli adolescenti: la drammaturgia del lavoro sarà un ricco scambio di mail e scritti con gli allievi delle scuole medie superiori da cui emergono aspettative disattese, incertezza di un futuro confuso per uno spettacolo scritto dai ragazzi che intende tornare al pubblico di giovani spettatori.

Esaurita la parentesi MaldiPalco, sabato 27 e domenica 28 novembre, Tangram Teatro come ogni anno utilizza i propri strumenti per sollecitare l’interesse su una tematica di stretta attualità sociale proponendo, in collaborazione con l’Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica Onlus, un reading di Rosalba Legato e Armando Prioglio dal titolo Vite segnate, occasione di raccolta fondi per un’associazione che si occupa di una malattia rara per la quale la ricerca non ha ancora trovato strade da percorrere: di titolo in titolo, sabato 4 e domenica 5 dicembre, Alessandra Comazzi, Bruno Maria Ferraro e Ivana Ferri saranno poi protagonisti di Un naso a colori, serata ironica e divertente che porta in scena il rapporto tra uomini e cani. Ispirandosi a L’uomo incontrò il cane dell’etologo premio Nobel Konrad Lorenz, la simpatica giornalista torinese ha confezionato un originale copione caratterizzato da microstorie con assoluti protagonisti i fidati compagni a quattro zampe.
Il 2021 del Tangram Teatro si chiuderà poi, da venerdì 17 a domenica 19 dicembre al Teatro Astra per la stagione della Fondazione TPE, con il riallesitmento de Alda Merini. Una storia diversa, piéce con Lucilla Giagnoni dedicata ad una delle più lucide ed incisive voci poetiche del nostro tempo che nel 2021 avrebbe compiuto 90 anni: un viaggio nel percorso di vita di questo straordinario personaggio che portava nel suo sguardo l’abisso del manicomio prima della legge Basaglia.

E se l’anno in corso si chiude con uno sguardo sulla poesia, nella stessa direttrice si aprirà quello nuovo con la succulenta anticipazione della serata di lunedì 28 febbraio 2022 al Teatro Carignano (incasso della serata devoluto all’Associazione Italiana Progeria Sammy Basso onlus) quando Ivana Ferri metterà in scena la trasposizione per il teatro de Il mercante di luce di Roberto Vecchioni affidandone l’interpretazione ad Ettore Bassi accompagnato da Massimo Germini: un bellissimo racconto sulla paternità e sulla luce che la cultura riesce ad accendere quando il buio è profondo.

Per tutti gli appuntamenti programmati al Tangram Teatro, salvo diversamente indicato, biglietti ad Euro 15 ed Euro 12 in vendita su www.tangramteatro.it dove saranno anche presenti informazioni dettagliate su orari degli spettacoli e modalità di accesso in sala in base alle normative vigenti.
  • Ettore-Bassi.jpg
    Ettore-Bassi.jpg
    @ELENCOTAG@news
    cookie law
    privacy